rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Burlo, donato all'ospedale infantile un laser che salva la vista ai nati prematuri

Un laser che salva la vista ai bambini nati prematuri. E' questo il dono che l'Associazione Iniziativa Solidarietà Osoppo ha consegnato all'ospedale Burlo Garofolo, dotando l'IRCCS di un nuovo, importante strumento clinico

Un laser che salva la vista ai bambini nati prematuri. E’ questo il dono che l’Associazione Iniziativa Solidarietà Osoppo ha consegnato all'ospedale Burlo Garofolo, dotando l'IRCCS di un nuovo, importante strumento clinico. Si tratta di un moderno laser a diodi, fondamentale per il tempestivo trattamento della retinopatia nei neonati prematuri, una delle principali cause di danno visivo nell’infanzia che, se non curata, può condurre al distacco della retina e alla cecità.

Il Direttore Generale del Burlo, Gianluigi Scannapieco, durante la cerimonia di consegna ha voluto ringraziare l’Associazione di Osoppo, sottolineando l’importanza del fatto che “le donazioni al Burlo non provengono solo dal territorio triestino. Il Burlo - ha detto Scannapieco - è e deve essere un istituto di riferimento non solo per l’area di Trieste, ma per tutta la regione e oltre".
L’Associazione Iniziativa Solidarietà di Osoppo era rappresentata dalla Presidente Pierina Copetti: “Ogni anno - ha spiegato - l’Associazione individua un progetto particolarmente importante da sostenere; quest'anno la scelta è ricaduta sul Burlo, anche grazie al fatto che conosciamo e apprezziamo il lavoro dell'Associazione ASTRO (Associazione Triestina Ospedaliera per il sorriso dei bambini) all'interno dell'istituto. Ci tengo a sottolineare - ha proseguito Copetti - che questa donazione è il frutto dell’impegno di centinaia e centinaia di persone.Oltre ai singoli cittadini, hanno contribuito anche le scuole, la parrocchia e le associazioni del territorio. A questa causa si sono uniti anche i lavoratori dell'azienda Fantoni e del gruppo Pittini, che hanno scelto di donare un'ora della loro retribuzione”. DON11

"E' di fondamentale importanza essere sempre all’avanguardia e in questo il laser a diodi - ha spiegato il dott. Stefano Pensiero - è importantissimo, addirittura indispensabile. Questo macchinario serve ad evitare la cecità ed il distacco di retina nei bambini prematuri e permette di bloccare la malattia nel 90% del casi.

La raccolta fondi, che è culminata con il posizionamento di una tenda nella piazza di Osoppo dove, per otto giorni, i volontari hanno accolto altre donazioni, ha addirittura superato la cifra necessaria per l’acquisto del macchinario (32.500 €) e gli oltre 2.500 € avanzati sono stati consegnati al Vicepresidente dell’Associazione ASTRO Gerardo Tolentino per l’attività che questa associazione porta avanti per il sostegno dei bambini ricoverati al Burlo e delle loro famiglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Burlo, donato all'ospedale infantile un laser che salva la vista ai nati prematuri

TriestePrima è in caricamento