Coronavirus, Zalukar: "Si semplifichi l'uso della ricetta dematerializzata"

Il consigliere regionale ha presentato oggi un’interrogazione alla Giunta Regionale e all’Assessore alla salute

"In gran parte della nostra regione, anche se non dovunque, è possibile usufruire della ricetta cosiddetta dematerializzata, che significa che il medico invece di compilare la ricetta su carta la inoltra alle farmacie per via informatica. Così il paziente può, anzi potrebbe ritirare il farmaco direttamente in farmacia. Perché il condizionale? Perché si è messa di mezzo la burocrazia, infatti è vero che la ricetta viene spedita per via elettronica alla farmacia, che quindi ne ha l’evidenza sul computer, ma per ritirare il farmaco il paziente deve esibire un modulo cartaceo che abilita all’uso della ricetta elettronica. Cioè la ricetta vera e propria passa direttamente dal computer del medico a quello della farmacia, ma deve essere sbloccata tramite un modulo, cioè un pezzo di carta che il paziente deve andare a ritirare dal medico e portarlo in farmacia". Così il consigliere regionale del Gruppo Misto Walter Zalukar, ex responsabile del pronto soccorso di Cattinara.

"Così un vincolo burocratico neutralizza tutta la comodità e il risparmio derivanti dell’uso dell’informatica - aggiunge Zalukar -. In altri tempi si parlerebbe di un ulteriore insopportabile disagio che colpisce chi ha bisogno di cure nella nostra regione. Ma adesso diventa un inutile rischio visto che la principale raccomandazione per evitare il contagio da coronavirus è quella di evitare luoghi affollati e chiusi. Gli ambulatori dei medici di base e le relative sale d’aspetto con persone presumibilmente ammalate e in stato di fragilità possono rivelarsi pertanto luoghi potenzialmente a rischio non irrilevante".

"Per questo motivo ho presentato oggi un’interrogazione alla Giunta Regionale e all’Assessore alla salute per chiedere se non ritengano necessario e urgente semplificare l’uso della ricetta dematerializzata dove esistente e attuarla tempestivamente dove non ancora in uso. Perché credo che ciò sarebbe di grande utilità per diminuire l’esposizione al rischio di contagio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento