menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cadavere ritrovato in bosco, la pista porta ad un 60enne morto settimane fa

Il corpo potrebbe appartenere ad un cittadino di nazionalità serba senza fissa dimora. A ritrovarlo alcuni operai in pausa pranzo nel parcheggio del supermercato Crai di strada di Fiume a Trieste. Vicino a lui alcuni documenti

Il cadavere ritrovato nell'area boschiva nei pressi del parcheggio del supermercato Crai di Cattinara potrebbe appartenere ad un cittadino serbo del 1959 e senza fissa dimora. Il corpo, scoperto da alcuni operai verso le 13 di oggi 9 marzo, era riverso a terra in posizione supina nelle immediate vicinanze di un albero dove sono stati rinvenuti anche due documenti riconducibili ad una stessa persona. 

Dopo le prime analisi effettuate dalla Polizia Scientifica e dal medico legale dottor Fulvio Costantinides (accorsi sul posto assieme ai sanitari del 118, a due equipaggi della Squadra Volante e a personale della Squadra Mobile della questura di Trieste), non sarebbero stati rilevati segni riconducibili ad una morte violenta.  

L'uomo indossava un maglione, una camicia, pantaloni e calzava regolarmente un paio di scarpe. Troppo presto per conoscere le ragioni del decesso, anche e soprattutto in virtù dell'avanzato stato di decomposizione della salma. Proprio basandosi su quest'ultimo aspetto, la morte è avvenuta certamente diverse settimane fa. Il tragico episodio potrebbe essere ricondotto ad un malore accusato sul posto o poco lontano dal luogo del macabro ritrovamento, o addirittura durante il sonno. Solamente l'autopsia, a questo punto, potrebbe svelare le ragioni del decesso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento