Reati a Trieste: la Situazione

Nell'ambito della Conferenza stampa indetta in occasione della presentazione della Festa della Polizia, il questore di Trieste ha illustrato i dati di un anno di lavoro della Polizia ecco la relazione: " Da un raffronto dei dati riferiti al...

Nell'ambito della Conferenza stampa indetta in occasione della presentazione della Festa della Polizia, il questore di Trieste ha illustrato i dati di un anno di lavoro della Polizia ecco la relazione:

" Da un raffronto dei dati riferiti al periodo 1 Aprile 2009-30 Aprile 2010 e con i dati riferiti al periodo 1 Aprile 2010-30 Aprile 2011 emerge un calo tendenziale dei delitti in genere.

E' evidente una flessione di tutti quei reati contro la persona; le denunce di reati di percosse, minacce e ingiurie sono scese di circa il 25%: dalle 201 del precedente periodo si è passati alle 155 di quello attuale.

Reati contro il patrimonio:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In calo il numero dei reati contro il patrimonio per eccellenza, cioè i furti in genere: dai 2.397 del periodo precedente ai 2.356 di quello attuale.
Si è registrata una sensibile diminuzione dei furti nei confronti degli esercizi commerciali (da 386 a 350) e su veicoli (da 170 a 125), mentre per quelli in abitazione si registra un dato analogo al precedente periodo: 324 furti.

Nonostante quest'ultimo dato, molteplici e significativi per numero di arresti e refurtiva recuperata sono stati i successi della Questura di Trieste nella lotta contro il fenomeno dei furti in appartamento.

Si pensi all'indagine denominata "Georgia" (novembre 2010 - marzo 2011) che ha consentito di sgominare una pericolosissima banda di ladri composta da 12 georgiani, assicurandoli tutti alla giustizia e restituendo il maltolto ai legittimi proprietari. Per non parlare dell'operazione denominata "Black Hole" che ha portato all'arresto di 8 cittadini stranieri, componenti di un gruppo criminale dedito a furti in appartamento.

Attività investigativa di ampio respiro che ha interessato una vasta area del territorio nazionale (da Trieste a Caserta) ed ha consentito di recuperare refurtiva per oltre 200.000 euro poi restituita ai legittimi proprietari.

Quel silenzioso lavoro quotidiano che porta la Polizia di Stato ad essere sempre attenta e presente ai bisogni di sicurezza espressi dalla comunità in cui opera trova valorizzazione negli arresti, avvenuti nel periodo di Natale, di due cittadini stranieri dediti a furti in appartamento e quello dei tre ladri dediti a furti in danno di esercizi commerciali, nella fattispecie rivendita di materiale subacqueo, operazione che ha interessato anche le province di Belluno e di Udine e ha consentito di recuperare 500.000 Euro.

Per quel che riguarda i reati contro il patrimonio in calo le rapine passate dalle 51 del precedente periodo alle 46 dell'attuale e i reati di ricettazione (da 30 a 27), mentre le estorsioni sono scese da 14 a 06.


Stupefacenti

Lusinghieri i risultati nella lotta contro il traffico e lo spaccio di stupefacenti. I reati in materia di stupefacenti dai 77 del precedente periodo sono scesi a 55.

La sezione antidroga della locale Squadra Mobile ha portato a termine brillantemente numerose operazioni come l'operazione denominata "Arian", che ha consentito l'arresto di 6 trafficanti internazionali di stupefacenti.
L'organizzazione criminale operava nel Nord Est, sull'asse Trieste Treviso.
Giovani erano i pusher (tutti individuati) ed è stato sequestrato oltre un chilogrammo di cocaina.

Un altro colpo significativo è stato inferto alle organizzazioni criminali operanti nel campo degli stupefacenti con la recente operazione denominata "Balkan" (marzo 2011), organizzazioni che, attraverso la rotta balcanica, importavano in Italia notevoli quantitativi di droga.
La banda è stata sgominata ed è stato sequestrato oltre mezzo chilogrammo di eroina.

Degna di nota, infine, l'operazione denominata "Hermes", congiuntamente condotta dalla locale Squadra Mobile e dalla Polizia di Frontiera.
L'indagine, che è stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e si è conclusa nel settembre 2010, ha consentito di sgominare una pericolosissima organizzazione criminale nigeriana che era giunta a penetrare nell'intero territorio nazionale.
L'impegnativa operazione si è conclusa con l'arresto di 28 malviventi, tutti nigeriani, e con il sequestro di circa 18 chilogrammi di droga (cocaina e eroina).

La lotta al crimine passa non solo attraverso questi momenti più prettamente operativi, ma anche grazie a particolari strumenti di controllo e di prevenzione dei reati.
Ci si riferisce alle misure di sicurezza dell'avviso orale (ne sono stati irrogati 40) e della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza comminata dalla competente autorità giudiziaria, opportunamente interessata, a 3 pericolosi individui.
E, ancora, degni di nota sono gli ammonimenti per stalking, cioè quei provvedimenti ove il pronto intervento dell'autorità, nei casi di molestie persecutorie, interrompe di fatto l'azione criminosa e restituisce serenità alla vittima. La Questura di Trieste nel corso del periodo in esame ne ha rivolti ben 10.

Non può essere infine sottaciuto l'impegno profuso nel contrasto al fenomeno della violenza sportiva che ha portato a ben 13 provvedimenti di divieto di accesso agli impianti sportivi (Daspo).



Altri delitti

Tutti gli altri delitti hanno segnato un decremento del 10% .
La Questura di Trieste e le specialità di Polizia operanti sul territorio, nel loro complesso, hanno indagato in stato di libertà 1.605 persone, mentre 342 sono stati gli indagati in stato di arresto , di cui 185 quelli di cittadinanza straniera.

Attività Uffici


L'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha effettuato 8.438 interventi con la Sezione Volanti, indagando in stato di libertà 471 persone e in stato d'arresto 76.
Ha elevato 161 sanzioni amministrative per violazione dal Codice della strada e altre 167 per altri motivi.
Sono pervenute 87.710 chiamate al servizio 113

All'interno della Divisione Anticrimine, l'Ufficio passaporti ha rilasciato 7.889 passaporti e 4.826 certificati per minori.

L'Ufficio armi ha rilasciato 196 licenze di porto di fucile per uso sportivo e 101 di fucile per uso sportivo, mentre ha emesso 3 divieti per la detenzione di armi.
Sono state ritirate 199 armi per vari motivi.

L'Ufficio licenze ha rilasciato 235 licenze per varie attività, mentre la Squadra di Polizia giudiziaria ha effettuato 128 controlli amministrativi elevando 32 sanzioni amministrative. 3 le comunicazioni di reato.

L'Ufficio Immigrazione ha consegnato 8.225 permessi di soggiorno e ha eseguito 87 espulsioni di cittadini stranieri irregolari accompagnandoli alla frontiera, mentre 35 sono stati trattenuti presso i Centri di identificazione ed espulsione. Ha provveduto, infine, all'allontanamento di 134 cittadini comunitari.

Specialità di Polizia

Le specialità della Polizia di Stato presenti sul territorio della Provincia di Trieste meritano un
riconoscimento per il prezioso contributo dato alla comunità per la continua specifica attenzione ai
fenomeni criminali propri dei settori sociali in cui esse operano.

In quest'ottica si ricorda l'elevato contributo offerto dalla Polizia Postale nel contrasto di reati particolarmente abietti come quello della pedofilia. 7567 sono stati i siti controllati, 50 le persone denunciate e 20 le perquisizioni effettuate.

La Polizia Stradale ha denunciato 127 persone per reati inerenti la circolazione stradale e ha ritirato 556 patenti per guida in stato di ebbrezza o per guida sotto l'effetto di stupefacenti.
Rilevante anche l'attività di repressione: 25 arresti e 32 veicoli sequestrati a seguito di attività investigativa.
Infine, 356 volte gli operatori della Polizia Stradale hanno assicurato il loro intervento in incidenti stradali di rilievo.

La Polizia di Frontiera chiamata ad assicurare la sicurezza dei nostri confini ha conseguito nel periodo in esame brillanti risultati.
Sono stati rintracciati 359 clandestini, di cui 239 sono stati direttamente respinti.
Ha consentito di contrastare con vigore fenomeni a volte apparsi come "nuovi" e ci si riferisce all'illecita importazione di cuccioli (65) e a fenomeni ritenuti scomparsi come il contrabbando di sigarette (sequestrati 665 chilogrammi).
Significativo è stato, anche, il contrasto al fenomeno del riciclaggio di veicoli di provenienza illecita (ne sono stati sequestrati 48), al fenomeno dei furti di rame (ne sono stati sequestrati chilogrammi 2500), a quello della contraffazione di merci griffate (1300 i capi di abbigliamento sequestrati).
Infine, 87 sono stati gli arresti degli autori dei reati sopra menzionati.

La Polizia Ferroviaria ha effettuato in ambito ferroviario 2.667 servizi, arrestato 12 persone e denunciato 91.

Sono stati effettuati 460 servizi di scorte a bordo dei treni. "


























In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento