Camber (Fi): "Corsie preferenziali per portatori di bisogni speciali"

Una mozione che impegna la Giunta a garantire nei propri uffici aperti e in quelli delle società partecipate dalla Regione una corsia preferenziale per l'accesso a disabili, donne incinte e anziani con un'apposita segnaletica

Piero Camber

Il consigliere regionale Piero Camber (FI) ha presentato una mozione, che impegna la Giunta a garantire presso i propri uffici aperti al pubblico e in quelli delle società partecipate dalla Regione FVG una corsia preferenziale per l'accesso delle persone portatrici di bisogni speciali, attraverso l'istituzione di apposita segnaletica che indichi in modo esplicito l'obbligo di dare loro la precedenza, anche creando corsie o sportelli a loro dedicati.

Normativa assente

"Pur in assenza di una normativa chiara sul punto - dichiara il consigliere forzista - è senz'altro un dovere morale dare la priorità di accesso agli uffici pubblici ai portatori di bisogni speciali come persone diversamente abili, donne incinte, genitori con bambini particolarmente piccoli, grandi anziani".

Lavoro: nuovo regolamento per contributi a professionisti disabili

Buone prassi e segnaletiche

"Ricordo - prosegue Camber - che diversi comuni ed uffici pubblici della nostra regione hanno già notevolmente facilitato l'accesso ai propri uffici a favore delle persone portatrici di bisogni speciali mediante direttive, buone prassi, apposite segnaletiche di precedenza agli sportelli, nonché la sperimentazione di un sistema di prenotazione digitale per un celere accesso ai Servizi Sociali ed anagrafici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mozione

"Pertanto - conclude Camber - attraverso questa mozione, firmata inoltre dal capogruppo di Forza Italia Giuseppe Nicoli, chiedo alla Giunta di emanare, al riguardo, specifiche linee di indirizzo anche per le altre pubbliche amministrazioni del Comparto unico regionale, affinché vengano introdotte le succitate buone prassi idonee a rafforzare tra i cittadini, che quotidianamente accedono a uno sportello pubblico, la cultura dell'inclusione, che fa leva sul buon senso e sulla buona educazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento