Cronaca

Cambio appalto sotto Natale mette in strada la vigilanza delle Torri, scatta la protesta

Sciopero a oltranza dalle 14 di oggi per i dipendenti della cooperativa Security 2002 Servizi in servizio presso le Torri d’Europa come vigilanza guardiafuochi.

Foto sito cooperativa Security 2002 Servizi

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota stampa dell'USB

Sciopero a oltranza dalle 14 di oggi per i dipendenti della cooperativa Security 2002 Servizi in servizio presso le Torri d’Europa come vigilanza guardiafuochi. La protesta nasce dall’informativa della cooperativa datata 20.12 che gli comunica la volontà delle Torri d’Europa di cessazione dell’appalto ed il conseguente licenziamento di tutti e 11 gli operatori. L’Unione Sindacale di Base ha immediatamente contattato il titolare della Ariete Srl che sarebbe subentrata da cui si è appreso inizialmente che non tutti i lavoratori sarebbero stati assorbiti, nonostante la clausola di salvaguardia. Oggi ai lavoratori viene proposta una assunzione che puzza da “licenziamento cammuffato”: assunti si, ma con la possibilità di essere impiegati “fuori dalla provincia di Trieste”. Concreta la possibilità che questi lavoratori vengano sostituiti presso le torri da nuovi assunti e chi non era gradito fin dall’inizio venga spinto al licenziamento attraverso un sistema di trasferte insostenibili alla lunga. In data 24.12 è stato proclamato lo sciopero a oltranza a partire dalle 14, la cooperativa ha subito precettato tutti i lavoratori. Già partita la diffida da parte di USB ed è in valutazione il ricorso al giudice per condotta antisindacale (ex art. 28 legge 300/70)

Interpellata la Prefettura, ha proposto ai lavoratori di ritirare o sospendere lo stato di agitazione così da far partire una richiesta di informativa urgente alle aziende a partire da lunedì 28.12 L’intervento della Prefettura rischia di arrivare fuori tempo massimo, a giochi già fatti. I lavoratori, assieme ad USB Lavoro Privato di Trieste confermano stato di agitazione e rilanciano: prossimamente saranno a presidiare le Torri d’Europa in una manifestazione pubblica. Ad Ariete verranno avanzate precise richieste: l’assunzione di tutti i lavoratori, eventuali spostamenti potranno essere fatti entro la provincia di Trieste, fuori provincia solo ed esclusivamente su base volontaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambio appalto sotto Natale mette in strada la vigilanza delle Torri, scatta la protesta

TriestePrima è in caricamento