menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campionati Nazionali Giovanili di Vela, assegnata a Trieste l'edizione 2016

È stata presentata l'edizione 2016 della Coppa “Primavela” e dei Campionati Nazionali Giovanili in Singolo, per ragazzini dagli 8 ai 16 anni, che avranno luogo nel settembre del prossimo anno nelle acque del Golfo di  Trieste e della baia di Muggia, promossi dalla Federazione Italiana della Vela

È stata presentata  l'edizione 2016 della Coppa “Primavela” e dei Campionati Nazionali Giovanili in Singolo, per ragazzini dagli 8 ai 16 anni, che avranno luogo nel settembre del prossimo anno nelle acque del Golfo di  Trieste e della baia di Muggia, promossi dalla Federazione Italiana della Vela.

Sono intervenuti all'incontro l'Assessore allo Sport e Turismo del Comune di Trieste Edi Kraus, il Vicepresidente Nazionale della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre, la presidente della XIII Zona–Friuli Venezia Giulia della FIV Marina Simoni, nonché Roberto Sponza quale presidente del neo-costituito Comitato tra i 14 Circoli velici del nostro territorio che organizzeranno concretamente la manifestazione.

Presenti anche autorità locali e rappresentanti sportivi, tra i quali il Sindaco di Muggia Nerio Nesladek, il Vicepresidente della Provincia Igor Dolenc, il capitano di fregata Roberto Fedele per la Capitaneria di Porto, il Vicepresidente regionale del CONI Francesco Cipolla, la presidente provinciale degli Azzurri d'Italia Marcella Skabar Bartoli.

Da oltre vent’anni – è stato spiegato nel corso della conferenza - la Coppa “Primavela” e i Campionati Nazionali giovanili in singolo sono “la grande festa della vela riservata ai giovani e ai giovanissimi, un evento che ben esprime la spontanea passione dei più piccoli per questo sport e per il mare”.

E ogni anno la Federazione Italiana Vela assegna a un Comitato di Zona l’organizzazione di quella che a tutti gli effetti può dirsi la più grande manifestazione giovanile nel mondo della vela italiana.

“E per il prossimo anno, ovvero per l’edizione 2016, le cui date esatte non sono ancora state fissate, ma che si svolgerà comunque ai primi di settembre, prima dell'inizio dell'anno scolastico per ovvi motivi legati all'età dei piccoli protagonisti, la FIV ha voluto scegliere Trieste e il nostro Golfo – ha sottolineato con palese soddisfazione Marina Simoni, presidente della XIII Zona-–Friuli Venezia Giulia della Federazione della Vela -. Una scelta non scontata – ha commentato -  rispetto a una candidatura che abbiamo lanciato due anni fa e che viene a premiare, ne  siamo certi,  non solo le nostre grandi tradizioni marinare, ma certamente anche la capacità di fare squadra e di unire quasi tutte le Società presenti nell'area intorno a un obiettivo e a uno sforzo comune verso un obiettivo così significativo, anche dal punto di vista dei programmi federali”.

Sarà infatti – ha spiegato ancora la Simoni -  oltre che un'entusiasmante ed educativa sfida per ognuno dei velisti in erba, anche un appuntamento di alto livello tecnico-sportivo, per il quale tutti i partecipanti, pur giovanissimi, saranno tuttavia attentamente selezionati.

“In acqua si attendono insomma i campioni di domani, impegnati nella loro prima regata, su imbarcazioni Optimist, Laser, Feva, L’Equipe e sulle tavole a vela Techno 293.”

“E sarà naturalmente anche una grande festa e un'occasione importante per la nostra Città – ha rimarcato infine Marina Simoni – visto che la manifestazione, nel suo complesso, richiamerà sul nostro territorio, nell'arco di sette giorni circa, oltre 700 giovani atleti, con al seguito allenatori, famiglie e dirigenti sportivi, coinvolgendo un insieme almeno 2.000 persone. Anche per questo – ha concluso – abbiamo voluto partire oggi, per questo lungo percorso di preparazione, simbolicamente dal nostro Municipio.”

Concetti analoghi sono stati espressi da Roberto Sponza, presidente del Comitato di coordinamento costituito nei giorni scorsi tra i 14 yacht club organizzatori, i quali, “fisicamente” dislocati da Monfalcone a Muggia, funzioneranno come basi logistiche per le squadre provenienti da tutta Italia. Sponza non ha nascosto la complessità organizzativa di una tale “impresa” che – ha detto – “richiederà un grande e coordinato lavoro comune”, ma, nel contempo, ne ha sottolineato il grande fascino e spirito di dedizione considerando come si tratti di far crescere i piccoli “campioni”di oggi fino a farli diventare i futuri grandi velisti di domani.

E mentre  il Vicepresidente Nazionale della FIV Francesco Ettorre ha motivato la scelta di Trieste quale “atto di stima e di fiducia della Federazione verso un territorio che – cosa non sempre facile da trovare altrove, ha detto – è capace di esprimere una forte unione interna tra le sue Società e il Comitato regionale (e quindi di conseguenza con il Nazionale)”, aggiungendo poi di auspicare “che la tradizionale sfilata d'apertura che gli atleti svolgono nella giornata inaugurale possa svolgersi nella bellissima piazza dell'Unità, anche affinchè in questi ragazzini resti per sempre un ricordo indelebile e meraviglioso del loro primo impegno agonistico”, l'Assessore Kraus, dal canto suo, aveva sottolineato – già in apertura – tutta l'importanza della bella e grande manifestazione, “non solo dal punto di vista del 'ritorno' economico, turistico e d'immagine per la nostra Città, grazie ai suoi quasi 2000 partecipanti, ma anche per l'aspetto di grande unità e positività che la reciproca collaborazione fra club nautici, enti e istituzioni potrà creare a beneficio di tutto il tessuto cittadino, rafforzando la nostra capacità di lavorare assieme per creare sempre nuove iniziative, anche – come in quest'occasione -  in uno spirito di assoluto volontariato e con il pensiero rivolto alla crescita delle giovani generazioni, dei cittadini di domani.”

“Per questo – ha concluso Kraus – non posso che rivolgere un grande ringraziamento alla FIV, a tutte le Società veliche, al CONI, alla Capitaneria di Porto, per la scelta di Trieste e per quanto hanno fatto e faranno per il sicuro successo di questa manifestazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento