rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cronaca Piazza Guglielmo Oberdan

Bonus bebè, protesta dei genitori sotto il Consiglio regionale

La cancellazione dei mille euro una tantum era stata introdotta dall'ex Giunta Tondo, ma si è concretizzata sotto l'attuale maggioranza: nel frattempo il Governo nazionale ha previsto il bonus per i bimbi nati nel 2015. L'importo che la Regione dovrebbe stanziare oscilla tra i 2 e i 3 milioni di euro

Una cinquantina di mamme e papà si sono dati appuntamento ieri pomeriggio in piazza Oberdan, davanti al Palazzo del Consiglio regionale, per protestare contro il taglio del bonus bebè. Hanno appeso striscioni contro il mancato finanziamento dell'assegno di natalità per i nati nel 2014, cioè i mille euro una tantum che venivano erogati dalla Regione per far fronte alle spese iniziali che comporta la nascita di un figlio.

La cancellazione della misura era stata introdotta dall'ex Giunta regionale (centrodestra guidata da Tondo), ma si è concretizzata sotto l'attuale maggioranza di centrosinistra: nel frattempo il Governo nazionale ha previsto un bonus bebè per i bimbi nati nel 2015.

L'importo che la Regione dovrebbe stanziare oscilla tra i 2 e i 3 milioni di euro. Tra le richieste c'è anche quella di mantenere la soglia Isee a 30mila euro come negli gli anni passati.

Tra i politici presenti da segnalare il consigliere comunale Giorgi (gruppo Pdl) - che ci ha gentilmente concesso di pubblicare le sue foto -, i consiglieri regionali Ziberna e Novelli (gruppo Pdl/FI), i consiglieri comunali Bertoli (FI) e Rovis (Ncd), quest'ultimo promotore della mozione presentata in Consiglio comunale e approvata all'unanimità.

16giu15. Protesta bonus bebè (foto di Lorenzo Giorgi)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus bebè, protesta dei genitori sotto il Consiglio regionale

TriestePrima è in caricamento