Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

A Barcola arrivano i bagnini a quattro zampe

Tutti i sabati di luglio e agosto l’associazione Cani Salvataggio Trieste effettuerà un servizio di salvamento volontario con l’impiego di unità cinofile brevettate SICS, Scuola italiana cani salvataggio, a supporto delle già previste figure professionali di salvataggio presso la spiaggia tra il secondo e il terzo Topolino di Barcola

Una assoluta novità per Trieste la presenza di unità cinofile in spiaggia. Sarà l’associazione Cani Salvataggio Trieste, iscritta nei registri della Protezione Civile del FVG, a effettuare tutti i sabati di luglio e agosto un servizio di salvamento volontario con l’impiego di unità cinofile brevettate SICS, Scuola italiana cani salvataggio, a supporto delle già previste figure professionali di salvataggio presso la spiaggia tra il secondo e il terzo Topolino di Barcola.

Unità cinofile e bagnini insieme per la sicurezza dei bagnanti

I cani e i loro conduttori saranno presenti dalle 8 alle 12, a turni di 2 ore al massimo (per salvaguardare la salute dei cani impiegati) con l’obiettivo primario della salvaguardia della vita umana in caso di necessità, “anche se la nostra associazione sposa la filosofia “il salvataggio perfetto è quello mai effettuato” con una prevenzione adeguata”, spiega l’istruttore Emanuele Esposito che aggiunge: “La presenza delle nostre unità cinofile vuole anche dare continuità ai progetti “Il cane da soccorso e l’approccio corretto” e “Il cane da soccorso in azione” presentati da due anni scuole d’infanzia comunali e ricreatori del Comune di Trieste, fornendo esempi virtuosi di gestione del cane nel contesto sociale, in questo caso anche e soprattutto lungo il tratto di costa triestina che deve prevedere particolari accorgimenti da parte dei proprietari”.

DSC_0373-2

Le unità con brevetto SICS

Saranno circa 15 unità cinofile che hanno ottenuto il brevetto della SICS (Scuola italiana cani salvataggio) il cui presidente Ferruccio Pilenga ha firmato un accordo quadro con la Capitaneria di Porto. Inoltre verranno sempre impiegati volontari con brevetto da assistente bagnanti, abilitati al BLSD e, nelle more della disponibilità che i soci potranno fornire, anche personale medico e infermieristico professionale.

DSC_0275-2


Il servizio è stato presentato lo scorso weekend nel corso di una conferenza/esibizione alla presenza dell’assessore Lorenzo Giorgi, da poco incaricato della gestione degli impianti sportivi comunali (tra cui rientrano i Topolini), che ha anche provato in prima persona l’efficienza delle unità cinofile simulando di essere un bagnante in difficoltà: “Un’esperienza molto particolare, un servizio che aumenta il livello di sicurezza per i bagnanti, da promuovere ed intensificare per Trieste, che avvicina ancora di più il cittadino agli amici a quattro zampe – ha detto l’assessore Giorgi -! E proprio per i cani e i loro proprietari bisogna iniziare a pensare a spazi fruibili per la balneazione e “tecnicamente” accessibili. Un segno di civiltà e un’opportunità che tutte le località che offrono la balneazione stanno praticando. Proprio per questo sto iniziando a lavorare affinché il 2020 possa far sì che anche Trieste sia una città “dogwelcome” anche sulla balneazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Barcola arrivano i bagnini a quattro zampe

TriestePrima è in caricamento