rotate-mobile
La cerimonia e il bilancio

L'arma dei Carabinieri compie 208 anni: "69 arresti nei primi quattro mesi del 2022" (FOTO)

Nel 2021 erano stati 200 nel corso dell'intero anno e 191 nel 2020. La cerimonia in piazza della Cattedrale a San Giusto

Sono 69 (68% del totale di 101) le persone arrestate nel primo quadrimestre 2022 dai Carabinieri a Trieste. Nel 2021 erano stati 200 nel corso dell'intero anno (68% del totale di 292) e 191 (42% del totale di 453) nel 2020. Lo ha dichiarato il Comandante Provinciale di Trieste, Colonnello Mauro Carrozzo durante le celebrazioni per i 208 anni dalla fondazione dell'Arma dei Carabinieri in piazza della Cattedrale a San Giusto. Durante l'evento, nuovamente in pubblico dopo il periodo pandemico, è stato tracciato un bilancio delle attività finora svolte. Presenti le autorità, i sindaci del territorio e i rappresentanti delle forze dell'Ordine.

Per il primo quadrimestre dell'anno in corso i reati gravi perseguiti sono stati 721 (68% per cento del totale di 1.047); 2.396 (62% su un totale di 3.818) nel 2021; e 1.947 (su un totale di 3.513) nel 2020. Le denunce in stato di libertà sono state 410 (47% su 871) nel 2022; e 1.506 (48% su 3.100) nel 2021; e 1.763 (17% su 10.135) nel 2020.

Il Comandante Carrozzo, ha poi ricordato l'impegno profuso dall'arma durante la pandemia a supporto delle fasce più deboli della popolazione (ad esempio con il ritiro delle pensioni presso gli uffici postali) e l'attività di sorveglianza durante le numerose manifestazioni contestative, in collaborazione con le altre forze dell'Ordine. Sono stati menzionati anche i delitti perpetrati sul territorio, tra cui l'omicidio di Robert Trajkovic, e le approfondite indagini che hanno permesso di consegnare in tempi brevi alla giustizia l'autore dell'omicidio.

"L’omicidio del giovane Robert - ha spiegato Carrozzo - ha fatto tuttavia emergere la complessa vulnerabilità delle giovani generazioni che, in una sorta di dipendenza dal mondo dei social, rischiano di perdere la percezione della realtà a discapito del valore della vita stessa. È per questo motivo che da tempo, l’Arma, collabora con le altre Istituzioni per diffondere la cultura della legalità". 

Si è parlato anche del flusso migratorio clandestino proveniente dalla rotta balcanica, che "è diminuito con la chiusura delle frontiere per la pandemia e si ripropone ora come emergenza attuale", è stato spiegato, specificando che "I riscontri sul territorio e le investigazioni condotte hanno fatto emergere il coinvolgimento di organizzazioni criminali transnazionali che si avvalgono del supporto di facilitatori radicati sul territorio di questa Provincia. Le rotte dell’immigrazione illegale, che spesso si sovrappongono a quelle degli stupefacenti, rappresentano potenziali direttrici che agevolano la penetrazione del terrorismo di matrice confessionale nell’UE, sulle quali il nostro Nucleo Informativo, in stretto raccordo con il ROS, conducono un’aderente azione".

Non mancano, sul territorio, anche reati predatori, rapine, furti, danneggiamenti, spaccio di sostanze stupefacenti ed atti di vandalismo, oltre a problematiche di carattere ambientale. Con l’assorbimento del Corpo Forestale dello Stato, l’Arma dei Carabinieri, dal 2017, è divenuta la prima forza di polizia ambientale in Europa. 

208 anni fondazione Arma Carabinieri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'arma dei Carabinieri compie 208 anni: "69 arresti nei primi quattro mesi del 2022" (FOTO)

TriestePrima è in caricamento