menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grave situazione sanitaria in carcere, le detenute alzano la voce e si mobilitano

La battitura della sezione femminile andrà in scena nel pomeriggio di lunedì 1 febbraio. Le detenute chiedono tamponi, esami sierologici e gli arresti domiciliari in caso di gravi problemi di salute

Più che essere sottoposte a vaccinazione chiedono tamponi ed esami del sangue sierologici. Dopo la protesta della sezione maschile di qualche giorno fa,anche le detenute del carcere di via Coroneo alzano la voce contro la grave situazione sanitaria presente nel sistema detentivo italiano. Nel pomeriggio di lunedì 1 febbraio è infatti prevista la battitura della sezione femminile - che potrà contare sulla solidarietà di una presenza dell'Associazione Senza Sbarre all'esterno della casa circondariale triestina - volta a rivendicare maggiori attenzioni da parte delle autorità. 

Secondo ASS, le detenute chiedono di essere sottoposte a tamponi ed esami del sangue sierologici, "piuttosto che essere costrette alla vaccinazione", l'indulto ed essere sottoposte ad arresti domiciliari in caso di problemi sanitari e gravi patologie, e in occasione di residui di pena. "L'iniziativa delle detenute della sezione femminile del carcere del Coroneo - conclude la nota - è stata comunicata anche ad altre prigioniere e prigionieri in Italia, con l'idea di una mobilitazione più estesa possibile per allargare e sostenere tali rivendicazioni e rompere l'omertà di regime sulla questione delle carceri".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Tragedia sfiorata a Opicina: auto si cappotta nella notte

  • Cronaca

    Il Covid rialza la testa in Fvg, soprattutto tra i giovanissimi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento