Cronaca

Carta di credito falsa: spende 1600 euro per due smartphone, ma viene arrestato

Un uomo, già noto alle forze dell'ordine, ha acquistato i due telefoni d'alta gamma e si accingeva ad acquistarne un terzo ma è stato fermato in tempo: nella camera d'albergo anche un tablet di origini sospette

foto di repertorio

I Carabinieri della Stazione di Trieste via Hermet, nella serata di ieri, durante un servizio preventivo finalizzato al contrasto dei reati ai danni esercizi pubblici, hanno arrestato, in flagranza di reato, un cittadino italiano, il 31enne B.G., che poco prima, utilizzando una carta di credito e documenti di identità abilmente falsificati e intestati ad un altro ignaro cittadino, aveva acquistato, presso un negozio di telefonia del centro, due smartphone di alta gamma, del valore complessivo di oltre 1.600 euro, e si accingeva ad acquistarne un terzo di analogo valore.

Le immediate verifiche svolte dai Carabinieri hanno anche consentito di perquisire la struttura alberghiera dove il soggetto (di origini campane ma residente a Udine) aveva trascorso la notte, e di recuperare un altro tablet di probabile provenienza illecita.

Nella consumazione del reato, l’arrestato si è avvalso dell’aiuto di un complice, tuttora in corso di identificazione, che è riuscito a far perdere le proprie tracce. L’arrestato, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza di via dell’Istria, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carta di credito falsa: spende 1600 euro per due smartphone, ma viene arrestato

TriestePrima è in caricamento