Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca Barriera Vecchia - Città Vecchia / Piazza Unità d'Italia

"Lady Carega", il blitz di CasaPound contro la Monassi

Il responsabile provinciale Francesco Clun afferma che "si tratta di un'azione goliardica per cui le concediamo un posto vista mare in piazza Unità per il posto nella Trieste Trasporti. Farebbe bene a rinunciare all'incarico"

CasaPound "regala" una sedia a Marina Monassi. La notizia arriva direttamente dal blitz di CasaPound che ieri notte in piazza Unità d'Italia ha dato vita alla più classicia delle provocazioni. "Questa notte - afferma il responsabile provinciale del partito neofascista - abbiamo voluto preparare la sedia per Marina Monassi alla Presidenza di Trieste Trasporti. Si tratta ovviamente di un'azione goliardica per ricordare che le nomine all'interno delle aziende partecipate dallo Stato, dalla Regione e dagli Enti Locali dovrebbero essere frutto di una attenta valutazione sulle reali competenze di una persona e non, come accade oggi, sugli equilibri politici cittadini". 

"Un'altra careghetta"

"Marina Monassi potrà inserire nel suo curriculum un'altra "careghetta" dopo quelle dell'Autorità Portuale di Trieste, dell'Acegas e dell'ATER. Per questo abbiamo posizionato una sedia al centro di Piazza Unità: dopo una lunga carriera di nomine politiche non potevamo che riservarle un posto d'onore nella piazza principale di Trieste. Posto vista mare ovviamente" prosegue Clun nella nota. "Al di là delle battute, però, dopo questa ennesima nomina ormai la misure è colma e ci chiediamo cosa il Sindaco abbia messo sul piatto della bilancia come contropartita per appoggiare una simile decisione".

La petizione lanciata da Francesco Russo: "Basta incarichi pubblici"

"Farebbe bene a rinunciare"

"Quello che va radicalmente cambiato in questo modo di fare politica e che ci disgusta profondamente - precisa il responsabile - è il modo con cui vengono scelti i responsabili delle aziende partecipate. Prima che agli equilibri politici, ai favori personali, alle simpatie e alle antipatie, crediamo sia ora di guardare esclusivamente alle reali competenze delle persone. La presidenza del Porto di Trieste, così come quella di Trieste Trasporti, sono incarichi fondamentali per la città e non devono diventare oggetto di baratto. In ogni caso - conclude Francesco Clun - Marina Monassi farebbe bene a rinunciare a questo incarico dopo il suo discutibile operato alla guida del Porto di Trieste. Crediamo che sarebbe il miglior regalo di Natale che possa fare per il bene della città e dei cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lady Carega", il blitz di CasaPound contro la Monassi

TriestePrima è in caricamento