Casa di riposo "La Primula", Zalukar (Misto): "Segnalazione inviata un mese prima"

Il consigliere regionale: "Gli alti livelli di infezione ospedaliera e di infezione in molte strutture per anziani depongono per l'inadeguatezza delle misure di prevenzione adottate a Trieste"

Foto: Aiello

"Quale vigilanza è stata attivata dall'Azienda sanitaria per le case di riposo triestine, ma anche cosa è stato fatto dopo l'avviso di pericolo trasmesso all'assessore regionale alla Salute da un residente dello stabile nel quale è inserita la casa di riposo La Primula, sempre a Trieste". E' quanto ha chiesto, con una interrogazione alla Giunta Fedriga, il consigliere regionale del gruppo Misto, Walter Zalukar, che in una nota una volta di più ricorda che "la segnalazione di rischio a La Primula era stata inoltrata a Riccardo Riccardi l'8 marzo, un mese prima del tragico epilogo. Ma ancora non si sa se sia stata attivata l'apposita Commissione di vigilanza dell'Azienda sanitaria a cui la normativa regionale attribuisce le funzioni di controllo sulle residenze per anziani non autosufficienti e a cui fa obbligo di attivarsi 'd'iniziativa in caso di specifiche segnalazioni', come recita l'articolo 40 del decreto del presidente della Regione (Dpreg) 0144/2015".

"Ho chiesto anche - prosegue Zalukar - di conoscere quale sia stata l'attività complessiva di controllo su queste strutture da parte dell'Azienda sanitaria, tramite la predetta Commissione, dopo il manifestarsi della pandemia. Pare evidente che le case di riposo e le residenze sanitarie assistenziali (Rsa) siano state principalmente infettate da ospiti inviati dall'ospedale e che pertanto dette strutture hanno subito il contagio divenendo solo in seconda battuta dei focolai".

"Prevenzione inadeguata"

"Il piano dell'Azienda sanitaria per la protezione dal contagio delle case di riposo - fa sapere il consigliere - porta la data del 27 marzo, di fatto un mese dopo il dilagare della Covid-19. E ciò nonostante dall'insieme dei dati epidemiologici del Friuli Venezia Giulia forniti dall'Istituto superiore di sanità, e altresì dalla fiorente letteratura scientifica internazionale, si evincesse fin da subito e con chiarezza che il virus dimostrava di essere particolarmente letale per due macro categorie, anziani e persone con una o più preesistenti patologie, e che in forza di questa evidenza andavano protette fin da subito le strutture per anziani oltre che gli ospedali. Gli alti livelli di infezione ospedaliera (che hanno portato alla chiusura di interi reparti) e di infezione in molte strutture per anziani, depongono per l'inadeguatezza delle misure di prevenzione adottate a Trieste".

"C'erano stati diversi richiami a prestare particolare attenzione a questi luoghi come possibili focolai del virus. Richiami evidentemente ignorati", scrive ancora Zalukar, che aggiunge: "Rimane emblematico il caso de La Primula, inserita in un contesto condominiale che ha visto la totalità degli ospiti contagiata e di questi alcuni deceduti, nonché un decesso tra i residenti dello stabile nel quale è inserita la struttura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al di là delle polemiche politiche, la questione dell'emergenza sanitaria va affrontata con un orientamento volto alla risoluzione dei problemi, che passa anche attraverso l'analisi critica degli errori commessi per porvi rimedio. Per questo - conclude - ho ritenuto di chiedere quale sia il programma attuale e futuro della Commissione di vigilanza dell'Azienda sanitaria triestina".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento