"Cathedral Effect", progorata fino al 30 settembre la personale di Luigi Tolotti

La mostra è visitabile su prenotazione da giovedì a sabato dalle 18 alle 20 alla Trart in viale XX Settembre 33

È stata prorogata fino al 30 settembre la mostra Cathedral Effect, esposizione inedita dei lavori del fotografo e artista dell’immagine triestino Luigi Tolotti. Nella mostra, proposta a Trieste nello spazio d’arte Trart, in viale XX settembre 33, l’autore indaga la relazione fra colori ed emozioni tramite le sue “light boxes”, opere che ricordano le finestre di una cattedrale e il loro effetto che hanno sulle persone che le visitano.

Frequenze, luci e realtà che muta

Una sorta di rivelazione quindi, non evidente ma suggerita, come ama fare Tolotti: "La mia è una ricerca su ciò che vediamo e ciò che potremmo vedere - ha dichiarato l'artista -. Riusciamo a interagire solo in una minima parte con la realtà che ci appare. Variando le frequenze - in questo caso i colori - possiamo percepire o renderci consapevoli del potenziale ancora inesplorato dai più. Con i miei lavori ho voluto dare allo spettatore una chiave diversa". Un tema che, considerano gli ingressi, è riuscito ad attrarre dall'8 luglio, giorno dell'inaugurazione, diversi visitatori amanti non solo dell'arte, ma anche della scienza che hanno voluto sperimentare "l'effetto cattedrale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto

L’esposizione, concepita per rientrare nel Science in the City Festival di ESOF2020, è stata organizzata da Acquamarina Associazione Culturale, Trart spazio d’arte, in collaborazione con Associazione Culturale Prologo di Gorizia e Isomorph Srl. In quest’esposizione muovendosi tra le stanze della Trart, le opere di Tolotti vengono svelate come fossero dei monoliti dal futuro ricchi di messaggi da decifrare. Si fondono così Storia, arte, cinema, natura e attualità, diventando "finestre" del percettibile e dell'impercettibile. Il loop visivo viene quindi accompagnato dalla musica, che scandisce la "rivelazione",  e, ovviamente, le luci, ovvero il mezzo per comprendere ciò che è alla base della fisica teorica, della matematica, dell’energia e dell’uomo: il principio di dualità, positivo e negativo, vero e falso, visibile e invisibile, 1 e 0, in moto perpetuo. La mostra è visitabile da giovedì a sabato dalle 18 alle 20, prenotazione alla mail cathedraleffecttrart@gmail.com.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia blocca i viaggi all'estero

  • Visite Rsa e accesso ai teatri e cinema: ecco la nuova ordinanza di Fedriga

  • Fedriga firma l'ordinanza: ecco le linee guida per la gestione dei contatti a scuola

  • Stretta in Slovenia, è lockdown a metà: paese diviso in zone

  • "Un caro saluto a tutti i negazionisti": il selfie dalla Terapia intensiva di Cattinara

  • Coronavirus, in Fvg 165 nuovi contagi e un decesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento