rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Sanità

Lavori Cattinara: in arrivo altri 68 milioni e un Covid hospital

Riccardi: "a lavori finiti il numero di alberi sarà di sei volte superiore a quello attuale". Tra i lavori sono compresi anche la realizzazione della terza torre, la costruzione della nuova sede del nosocomio materno infantile e una serie di attività complementari a queste funzioni

Altri 68 milioni per il progetto di ristrutturazione dell'Ospedale di Cattinara e la realizzazione del nuovo Burlo Garofolo. In previsione a Cattinara anche la realizzazione di un nuovo Covid hospital. Ieri la Giunta regionale ha infatti determinato una revisione dell'Accordo di programma, nel quale sono inseriti gli ospedali di Trieste, Udine e Pordenone, la cui parte finanziaria passa da 437 a 505 milioni di euro.

Ne ha dato notizia oggi in sede di Commissione III del Consiglio regionale il vicegovernatore con delega alla Salute durante l'audizione dei vertici Asugi e del Burlo in merito al progetto complessivo che comprende la ristrutturazione delle torri di degenza dell'Ospedale di Cattinara, la realizzazione della terza torre, la costruzione della nuova sede del nosocomio materno infantile e una serie di attività complementari a queste funzioni (parcheggi, urbanizzazioni, laboratori), oltre al progetto del Covid hospital dedicato in chiave futura alle pandemie.

In riferimento alle risorse regionali allocate per l'opera, Riccardi ha ricordato "i circa 30 milioni in più necessari per ottenere l'autorizzazione della Commissione sismica che ha consentito di determinare l'approvazione definitiva del progetto, la quale - di fatto - ha dato il via all'apertura del cantiere". In tale contesto, il vicegovernatore ha rimarcato la volontà di "non voler ripartire da zero, evitando in questo modo il rischio di traguardare i lavori tra una trentina d'anni".

"La Giunta - ha ricordato Riccardi - ha preso in mano una situazione complicata che partiva dalla risoluzione del contratto d'appalto per inadempienze del contraente, riuscendo a riaprire il cantiere lo scorso febbraio con l'avvio della fase 1 dei lavori". Infine, in merito all'impatto ambientale dell'opera, il vicegovernatore ha dichiarato che "nell'impossibilità oggettiva e progettuale di eliminare l'intervento sull'attuale area verde a causa di un'approvazione risalente al 2014, a lavori finiti il numero di alberi sarà di sei volte superiore a quello attuale (da 536 a 3.365)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori Cattinara: in arrivo altri 68 milioni e un Covid hospital

TriestePrima è in caricamento