menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Censimento: un "Assaggio" di Dati su Trieste

I cittadini residenti nel Comune di Trieste sono complessivamente 202.563  di cui 2.619 individui stabilmente dimoranti in convivenza (comunità, case di riposo, carcere, caserme, ecc. ) e 199.944 residenti in famiglia. Di questi, il 92,13 %...

I cittadini residenti nel Comune di Trieste sono complessivamente 202.563 di cui 2.619 individui stabilmente dimoranti in convivenza (comunità, case di riposo, carcere, caserme, ecc. ) e 199.944 residenti in famiglia.

Di questi, il 92,13 % risulta avere cittadinanza italiana mentre la percentuale di stranieri è del 7,85%. Il 94,41% dei cittadini italiani sono tali dalla nascita mentre la cittadinanza italiana è stata ottenuta per acquisizione dal 5,59% della popolazione italiana censita.

Tra gli stranieri i più numerosi provengono da Paesi europei al di fuori della Comunità Europea (61,19% degli stranieri censiti, 6,35% della popolazione residente complessiva residente in famiglia censita); seguono gli europei comunitari (19,02% degli stranieri censiti), gli asiatici (10,22%), gli africani (5,35%) ed i cittadini del continente americano (3,37%).

La diffusione dei dati provvisori riguarda la sola popolazione residente in famiglia, non anche quella in convivenza (ove per convivenza si intendono comunità, case di riposo, carcere, caserme, ecc. ).

E' prevedibile una discrasia fra i risultati provvisori diffusi dal Comune e quelli che saranno i dati definitivi che l'Istat pubblicherà entro il 31 dicembre 2012, in quanto quelli attuali non sono stati sottoposti alle procedure di controllo, correzione ed imputazione dei dati mancanti che l'Istat sta al momento effettuando per tutti i Comuni d'Italia.

Analizzando i dati provvisori per genere -ha evidenziato l'assessore Emiliano Edera- si nota che le donne, sia quelle italiane che quelle straniere, sono complessivamente più numerose degli uomini (rispettivamente 105.975 e 94.219).

Si rileva una maggior incidenza della popolazione maschile fino ai 24 anni.

Tra i 25 ed i 50 anni le donne superano di poco gli uomini, ma nelle fasce d'età superiori ai 50 anni gradualmente le donne pesano sempre di più sulla popolazione residente complessivamente censita rispetto agli uomini.

L'età media della popolazione italiana residente in famiglia nel Comune di Trieste il 9 ottobre 2011 (data della fotografia del 15° Censimento) si colloca tra i 48 ed i 49 anni, mentre è attestata fra i 30 ed i 35 nella popolazione straniera.

Per quanto riguarda lo stato civile, i cittadini italiani sono per il 42,16% coniugati, per il 37,19% celibi o nubili, a seguire i vedovi (10,92%) e i separati e divorziati (complessivamente 9,73%).

Analogamente sono più numerosi i coniugati (51,98%) rispetto ai single (38,51%) fra i cittadini dei Paesi europei extra UE, mentre fra gli stranieri comunitari ed extraeuropei prevalgono i single (rispettivamente 43,88% e 49,19%) rispetto ai coniugati (rispettivamente 40,47% e 44,96%).
La maggior incidenza di separazioni e divorzi si rileva nelle classi dai 45 ai 54 anni.

Per quanto riguarda i cambi di residenza effettuati nell'anno precedente al Censimento all'interno del territorio comunale, questi hanno coinvolto il 4,60% della popolazione italiana, circa il 15% della popolazione comunitaria e quasi il 12% di quella extracomunitaria. Interessante appare inoltre il dato riguardante la dimora abituale della popolazione censita cinque anni prima del Censimento 2011.

Da tale informazione si rileva che negli ultimi 5 anni sono arrivati a Trieste circa il 40% degli attuali stranieri comunitari ed extracomunitari, così come il 23% circa dei residenti europei non UE. Relativamente alla popolazione censita di cittadinanza italiana invece, una percentuale attorno all'80% viveva già 5 anni prima nello stesso alloggio.

L'assessore Edera ha sottolineato che le forze di lavoro risultano essere il 50,8% dei cittadini. Di questi, il 46,07% ha un'occupazione, lo 0,95 cerca il primo lavoro ed il 3,78% è disoccupato, in cerca di nuova occupazione. La percentuale più alta di disoccupati in cerca di nuova occupazione, quasi il 14%, si rileva nella fascia di età 35-50 anni mentre il primo lavoro viene maggiormente cercato fra i 20 ed i 24 anni (31,66%). Infine il 31,06% della popolazione residente censita in famiglia è percettore di pensione o di reddito da capitale.

Interessante anche l'indagine sul grado d'istruzione ha coinvolto i cittadini oltre i 6 anni di età.

La maggior parte della popolazione è in possesso del diploma di licenza media (33,52%), seguito dal diploma di scuola secondaria superiore di durata 4 - 5 anni (25,52%) mentre i laureati sono solamente il 12,22% .

Il 4,32% dichiara di non avere titoli di studio ma di saper leggere e scrivere, delle quali il 13,17% con più di 75 anni di età ed il 77% sotto ai 10 anni.

Un numero pari a 835 persone, ovvero lo 0,44% ha dichiarato di non saper né leggere né scrivere. Ribadendo che Trieste assieme ad altre 8 città italiane ha potuto anticipare di tre mesi la diffusione di questi dati provvisori (disponibili e consultabili sul sito www.retecivica.trieste.it), l'assessore Emiliano Edera ha sottolineato infine la valenza di "dati importanti e freschissimi, che sono alla base di un'approfondita riflessione per prendere poi le necessarie decisioni in sede di azione politica e amministrazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento