Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Bufera su Rubio, Fedriga: "Chiederò a Nove di cancellare il suo programma"

Il Presidente del Friuli Venezia Giulia ha espresso parole di forte condanna in merito al tweet del celebre chef. "Merita l'oblio. Atto ignobile". Condanna anche da parte di Debora Serracchiani

Chef Rubio (foto Ansa, ripresa da Today)

"Lucrare sulle tragedie per acquisire visibilità, infierendo così sulla sofferenza dei familiari delle vittime, è un atto talmente ignobile da meritare, per chi lo compie, la condanna all'eterno oblio". E' questa la risposta del governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, alle esternazioni di Chef Rubio in merito al duplice omicidio consumatosi venerdì 4 ottobre a Trieste. "Chiederò personalmente all'emittente televisiva di cancellare il suo programma". 

Il fratello di uno degli agenti risponde a Rubio

Il celebre cuoco aveva twittato così: “Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedon nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra”. Immediate le reazioni che si sono scatenate a livello istituzionale e attraverso i social. 

Serracchiani condanna le parole dello chef

Le altre reazioni 

Il fratello di Matteo Demenego aveva pubblicamente risposto a Rubio con un post su Facebook. "Tieni sempre la guardia alta perché se colgo impreparato pure te fai la fine di mio fratello" così la prima parte del testo che conclude con "ti auguro di perdere un tuo caro". Parole dure di condanna del tweet di Chef Rubio sono arrivate anche da Debora Serracchiani del Partito Democratico. "Nessuno può parlare delle forze dell'ordine e permettersi di dire un'enormità come 'non mi fido di loro'. Ci sono valori su cui non si lanciano provocazioni" così l'esponente dem nella nota stampa diramata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bufera su Rubio, Fedriga: "Chiederò a Nove di cancellare il suo programma"

TriestePrima è in caricamento