rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca Via Giosuè Carducci

Il Royal bar compie cinquant'anni, sabato la festa

Aperto nel 1969, il Royal bar quest'anno spegne cinquanta candeline. Sabato grande festa con clienti e amici e i vini di Batic

Il Royal bar spegne cinquanta candeline e sabato 21 dicembre invita clienti e amici a festeggiare questo importante traguardo. Sarà una serata all'insegna del buon vino, divertimento e tanti sorrisi.

La storia del Royal bar

Aperto nel 1969, il Royal bar è stato per molti anni un punto di ritrovo per i giovani. Oggi è un raffinato locale dove poter gustare ottimi vini e fermarsi per un caffè o un pranzo veloce. Il titolare Mattia ci ha raccontato la sua storia che inzia proprio cinquant'anni fa con i suoi nonni: "Il bancone era a ferro di cavallo e il bagno si trovava proprio là, vicino alla finestra (ci indica il lato che si affaccia su via Battisti ndr). Il locale è stato acquistato da mio nonno Antonio, detto Nino, e mia nonna Adele. Negli anni '70 ondate di giovani ragazzi, "la compagnia della Luminosa", si ritrovavano proprio qui per giocare a biliardino. Successivamente hanno preso le redini dell'attività i miei zii Luciano e Sonia".

BarRoyal_19-12-19__Giovanni Aiello 10-2
Nino e Adele

"Ho lavorato in questo locale per circa venti anni - ci ha raccontato -. Nel 2006 sono diventato socio e da quattro anni sono il titolare. Cinquanta anni sono un bel traguardo. Continuo a scrivere la storia del Royal bar anche grazie all'aiuto di mia zia che oggi ha ben 72 anni. Nonostante l'età, viene qui ogni mattina alle 7 e si occupa della spesa. Le devo molto: da quando mio padre è venuto a mancare è stata una figura importante per me".

Royal Bar - Foto di Giovanni Aiello

e

Il Royal bar cinquant'anni dopo tra eccellenti vini e degustazioni

"Negli anni sono stati fatti diversi cambiamenti - ha aggiunto Mattia -. Ci sono stati tre restauri e l'ultimo risale a novembre dello scorso anno. Oggi, rispetto a qualche anno fa, è un bar più raffinato specializzato in vini. Nel '98, ovvero a 18 anni, sono diventato sommelier e sono molto felice di essere riuscito a trasforrmare questa mia passione in lavoro. Ho diverse cantine e vini importanti, soprattutto bollicine, da Croazia, Slovenia, Carso e Friuli. La nostra specialità è il rosè, di cui ho diverse etichette, alcune molto difficili da reperire. Quasi tutti i venerdì organizziamo delle degustazioni studiando i giusti abbinamenti culinari".

La passione per il vino è molto forte anche se, da piccolo, Mattia sognava di fare l'ingegnere navale: "Amo il mare e le barche. Facevo anche regate a livello locale. Diciamo che ho trovato un buon compromesso perchè vivo nella città della Barcolana: posso ritenermi soddisfatto. Amo Trieste, non la lascerei per nessun motivo al mondo. Casa non si cambia mai".

BarRoyal_19-12-19__Giovanni Aiello 7-2

La grande festa: auguri Royal bar !

Caffetteria e pranzi veloci al mattino; salotto dove gustare vini eccellenti la sera. Una combinazione vincente che sembra funzionare in maniera ottimale e che, ci auguriamo, funzionerà per tantissimi anni ancora: "Per il futuro spero di continuare ad essere felice, che lo siano i miei clienti e di bere buon vino". 

Mattia quindi vi aspetta per festeggiare mezzo secolo di Royal bar: "Sabato alle 18:30 ci sarà una bellissima festa. Per questa speciale occasione verranno presentati i vini biologici della cantina Batic, una delle migliori cantine della Slovenia. Sono certo che sarà una serata meravigliosa".

A7301015-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Royal bar compie cinquant'anni, sabato la festa

TriestePrima è in caricamento