Cronaca

cngei: gli scout laici presenti a trieste, premiati per i 100 anni

La premiazione del presidente CNGEI, Roberto Marcialis

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

CNGEI, Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani, associazione scout presente in Friuli Venezia Giulia a Trieste e a Udine, e che, a livello nazionale, conta su oltre 12mila aderenti, è stata protagonista nella Conferenza Mondiale WOSM (sigla che significa World Organization Scout Movement, ovvero organizzazione mondiale dei movimenti scout) che si è svolta a Lubiana in Slovenia. Infatti CNGEI ha ricevuto il certificato per i 100 anni di attività scout nel nostro Paese, un riconoscimento per l'anniversario (caduto tra 2012 e 2013) che è stato festeggiato nella prima occasione utile della Conferenza Mondiale. Oltre a CNGEI sono stati consegnati altri 20 diplomi ad associazioni scout di tutto il mondo.

Il certificato è stato consegnato direttamente da Simon Ree (coreano), Presidente del Comitato Mondiale per l'Organizzazione del Movimento Scout WOSM nelle mani del Presidente del CNGEI Roberto Marcialis. A Lubiana CNGEI è infatti presente, insieme ad AGESCI, che - uniti - rappresentano la FIS (Federazione Italiana Scoutismo) con il Presidente nazionale, Roberto Marcialis e il Capo Scout Nazionale, Paolo Fiora: "Questo riconoscimento - sottolinea Marcialis - testimonia l'importante lavoro che l'Associazione scout CNGEI svolge nell'ambito dell'educazione non formale dando ai giovani la possibilità di diventare 'buoni cittadini', responsabilmente impegnati nella vita del loro Paese e predisposti ad essere anche coraggiosi cittadini del mondo. Essere qui a Lubiana, alla Conferenza Mondiale, rappresenta una esperienza molto significativa e siamo contenti che questo riconoscimento al CNGEI valorizzi anche l'immagine dell'Italia all'estero", prosegue Fiora: "questo riconoscimento sancisce il valore - acquisito nel tempo - del CNGEI come agenzia educativa sul territorio che ha contribuito a educare e formare dei giovani e degli adulti, in una parola sola: molti individui che hanno scelto di essere attori protagonisti della loro vita, di essere esempi positivi nella Società Civile e - non ultimo - di essere un faro per tutti quei giovani che credono nei valori dello Scoutismo ed hanno deciso di assaporarli e viverli con noi"

Marcialis e Fiora, in rappresentanza dell'Associazione, sono tra l'altro reduci dal raduno scout AGESCI di San Rossore (Pisa) dove sono stati ospiti dell'altra Associazione scout aderente alla FIS e presente a Lubiana: "Il rapporto di collaborazione tra CNGEI e AGESCI è molto importante e profondo - concludono Marcialis e Fiora - momenti come questi dell'incontro mondiale sono significativi anche per stringere legami sempre più saldi con AGESCI e altre Associazioni scout di altri Paesi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

cngei: gli scout laici presenti a trieste, premiati per i 100 anni

TriestePrima è in caricamento