COBAS: «No al decreto "La Buona Scuola", venerdì 12 giugno Notte Bianca in Piazza Cavana»

Venerdì 12 giugno a partire dalle ore 20 in piazza Cavana a Trieste i COBAS organizzano la prima "Notte Bianca della Scuola" per ribadire ancora una volta il No al decreto "La Buona Scuola" del Governo Renzi

Venerdì 12 giugno a partire dalle ore 20 in piazza Cavana a Trieste i COBAS organizzano la prima "Notte Bianca della Scuola" per ribadire ancora una volta il No al decreto "La Buona Scuola" del Governo Renzi.

«Lo sciopero degli scrutini - continuano i Cobas -  parte in maniera trionfale in Emilia-Romagna, Molise, Lazio e Lombardia: gli scrutini effettuati non superano il 10%. E domani entrano in campo Puglia, Sicilia e Trentino. Nei prossimi giorni anche in FVG. La maggioranza dei presidi non vuole i superpoteri, non segue le pessime direttive dell’ANP e non ostacola lo sciopero. Tanto più che i presidi ora sanno che, se il Ddl sarà approvato, dovranno cambiare scuola ogni tre anni o al massimo ogni sei, per non divenire “corrotti”. E intanto al Senato il Ddl viene dichiarato “anticostituzionale” in Commissione».

«La scuola non è finita! In questi giorni le lavoratrici e i lavoratori della scuola - spiegano - stanno bloccando in tutto il Paese gli scrutini per segnalare ancora una volta, dopo le plebiscitarie manifestazioni di maggio, la loro netta opposizione al DDL sulla scuola del Governo Renzi. La mobilitazione e le lotte non si fermeranno fino al ritiro del DDL e per questo saremo nuovamente in piazza venerdì per lottare e allo stesso tempo festeggiare insieme la scuola della Costituzione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Invitiamo tutti i cittadini - conclude la nota - , gli studenti, le associazioni, i sindacati che hanno a cuore la scuola pubblica ad intervenire e portare solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori in sciopero. Sarà una festa con musica, poesia, colori e palloncini. Invitiamo i bambini e le bambine a portare pennarelli per disegnare e colorare la scuola che vogliono avere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

Torna su
TriestePrima è in caricamento