menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Comandante della capitaneria di porto: «Indispensabile rilancio delle attività portuali»

Cordiale incontro in municipio tra il sindaco cosolini e il nuovo comandante generale del corpo delle capitanerie di porto-guardia costiera ammiraglio vincenzo melone. All'insegna della reciproca collaborazione istituzionale e delle prospettive di sviluppo dello scalo triestino e di riuso del porto vecchio anche quale nuovo grande polo di cultura marinara

Cordiale incontro , nel Salotto Azzurro del Municipio, tra il Sindaco Cosolini e l’Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, dal novembre scorso nuovo Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, in visita a Trieste.

All'alto ufficiale, che era accompagnato dal comandante della locale Capitaneria di Porto e Direttore marittimo del Friuli Venezia Giulia Goffredo Bon, il Sindaco ha confermato il costante e proficuo livello di collaborazione esistente nella nostra città tra Istituzioni, Amministrazioni periferiche e Corpi dello Stato, che consente la più agevole soluzione di problemi e il conseguimento dei più importanti traguardi di comune interesse; come ad esempio nella più recente occasione della ridefinizione delle competenze, propedeutica al recupero e riuso della vasta area del Porto Vecchio.

A proposito del quale il Sindaco Cosolini ha illustrato all'ospite la rilevante valenza e le notevoli prospettive che si prefigurano, anche – tra le altre – quale grande polo culturale, e della cultura e storia marittima in particolare. «Si consideri – ha spiegato Cosolini -  che per la costituzione del nuovo grande Museo del Mare cui miriamo potranno convergere in Porto Vecchio importanti collezioni di reperti e documenti attualmente in possesso, oltre che del Comune, di molteplici istituzioni e Società, tutte collegate alla grande storia marinara ed emporiale di Trieste, quali Italia Marittima, la Fincantieri, le Generali, l'Istituto Nautico, l'Università e altre ancora».

«E anche in questo ambito, anche per conseguire questa importante realizzazione, oltre che naturalmente per puntare all'indispensabile rilancio e potenziamento delle attività portuali, la collaborazione della Capitaneria di Porto, accanto a quella dell'Autorità Portuale e della Regione, sarà assolutamente preziosa. E sono sicuro – ha concluso il Sindaco – che tutti ci ritroveremo nell'obiettivo comune di far sì che Trieste ritorni a essere nuovamente, in tutto e per tutto, una città di mare e non solo 'sul mare».

Parole e intendimenti che sono stati accolti con grande favore dall'Ammiraglio Melone, che pienamente concordando sulla necessità della reciproca collaborazione istituzionale, si è dimostrato molto interessato alle prospettive indicate dal Sindaco, auspicando una sempre maggior rilevanza e incidenza dello scalo triestino. Al termine, non è mancato il tradizionale scambio di doni con la consegna dello stemma rossoalabardato della Città all'Ammiraglio Melone, prontamente ricambiato con l’insegna del Corpo delle Capitanerie di Porto al Sindaco di Trieste.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento