rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Comitato Acqua bene Comune su Fusione Acegas-Hera: " la Democrazia Sparisce di Fronte agli Interessi degli Azionisti"

Riceviamo dal Comitato 2 Si acqua bene comune Trieste e piblbichiamo:La fusione per incorporazione di AcegasAps con Hera è un progetto che ha come risultato la finanziarizzazione di tutti i servizi pubblici locali strategici: acqua, energia...

Riceviamo dal Comitato 2 Si acqua bene comune Trieste e piblbichiamo:

La fusione per incorporazione di AcegasAps con Hera è un progetto che ha come risultato la finanziarizzazione di tutti i servizi pubblici locali strategici: acqua, energia, smaltimento rifiuti in vista della costituzione della grande multiutility del nord che prevede via via la fusione successiva con altri grandi gruppi.
Non è un progetto industriale ( piuttosto la somma di debiti e fallimenti ) quanto un progetto politico di svuotamento della possibilità di decisione dei Comuni, e soprattutto dei loro cittadini/e, rispetto alla capacità di scelta delle comunità sui servizi pubblici locali.
Il sindaco Cosolini sostiene che Acegas Aps ha un forte debito, però per gli attuali amministratori sembra abbiano garantito il posto anche in futuro, inoltre Hera in borsa perde punti subito dopo l'annuncio della fusione e l'approvazione dei cda.

L'idea stessa di democrazia sparisce di fronte all'interesse di azionisti e consigli di amministrazione che vengono messi al primo posto azzerando il diritto a scegliere quale gestione, quale forma per i servizi locali da parte della città intera.
Sono scelte che non possiamo delegare e per questo vogliamo lanciare un appello perchè, al di là degli schieramenti e dei conniventi silenzi che troppo spesso abbiamo visto, si apra una discussione ed una iniziativa comune per poter decidere pubblicamente su questi temi, come si è affermato con i referendum del 12 e 13 giugno 2011
Apriamo l'azione e la discussione perchè:
- i processi decisionali tornino nelle mani dei cittadini
- la gestione dei servizi locali esca dalle logiche intrinseche delle spa volte a salvaguardare i profitti
- il servizio idrico, come hanno affermato i referendum, sia avviato ad una reale ripubblicizzazione attraverso anche il suo scorporo
- la gestione dei rifiuti avvenga mettendo al centro la raccolta differenziata, il riciclo e il recupero abbandonando la logica dell'incenerimento.
C'è bisogno di ognuno di noi, della creatività e azione di molti, per far sì di non restare spettatori di decisioni prese dall'alto e giustificate dalla crisi e dalla necessità di "fare cassa" su servizi che noi stessi paghiamo direttamente con le nostre bollette.

Perchè si scrive acqua ? e servizi locali e si legge democrazia!



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comitato Acqua bene Comune su Fusione Acegas-Hera: " la Democrazia Sparisce di Fronte agli Interessi degli Azionisti"

TriestePrima è in caricamento