menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comitato Nazionale Confindustria Servizi Tecnologici, il triestino Ercolani confermato Vicepresidente

Eletti i vertici del Comitato Nazionale di Coordinamento Territoriale di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici. Gianni Potti riconfermato Presidente, il triestino Cristiano Ercolani Vicepresidente

Si è tenuta ieri l'Assemblea elettiva del CNCT, il Comitato Nazionale di coordinamento territoriale di Confindustria Servizi Innovativi, la Federazione di Settore di Confindustria che rappresenta in Italia i Servizi Innovativi e Tecnologici.

Il comparto dei servizi innovativi e tecnologici - Kibs (Knowledge intensive business services) - è composto in Italia da 800mila tra grandi, medie, piccole e micro imprese; dà lavoro a 2,1 milioni di addetti; registra fatturati attorno ai 255 miliardi di euro complessivi; genera 110 miliardi di valore aggiunto, circa l’8% del Pil nazionale.

A seguito delle elezioni, il Comitato, organo di raccordo tra le esigenze direttamente rilevate dalle imprese dei Servizi innovativi e Tecnologici nei diversi territori e la rappresentanza nazionale, per il biennio 2015-2017 vede Gianni Potti confermato Presidente.  image1-4

Cristiano Ercolani, imprenditore triestino, CEO di Spin Spa, Presidente della Sezione Informatica e Reti di Confindustria Venezia Giulia, già membro del consiglio direttivo di AIIP Associazione Italiana Internet Provider, è stato confermato Vicepresidente.

“Per il prossimo biennio il CNCT intende sviluppare ulteriormente i percorsi per l' “Industria 4.0” - ha dichiarato il Vicepresidente Ercolani – Si tratta di un approccio che il CNCT sostiene da tempo e che prevede una sempre maggiore e profonda integrazione delle tecnologie digitali e una modernizzazione delle industrie manifatturiere, attraverso una sinergia con quelle dei servizi. Un nuovo paradigma, chiamato anche “smart industry” o “advanced manifacturing”, che, se abbracciato a ogni livello, agevolerà la manifattura italiana a recuperare competitività e a rilanciarsi in maniera tangibile a livello internazionale”.

““L'industria 4.0” è una sfida anche per le imprese attive nel settore Servizi Innovativi e Tecnologici, che devono saper trovare il modo corretto di dialogare con quelle del manifatturiero tradizionale e fornire loro gli strumenti adatti per cogliere le nuove opportunità innescare nuovi business - ha aggiunto Ercolani – Per questo motivo, il CNCT punterà a rafforzare ancora di più la sua presenza territoriale e il rapporto con le associazioni di categoria”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento