Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Comune, vigilanza davanti le scuole: 135.000 euro per i "nonni-vigile"

9.26 - Voto unanime della Giunta alla proposta dell'Assessore alla Polizia urbana e Sicurezza Martini: il servizio giunge così al suo 34esimo anno

Anche quest'anno saranno i nonni ad assicurare l'incolumità dei loro nipoti e dei loro amichetti davanti le scuole. Giunge così al 34esimo anno di attività (nato nell'anno scolastico 1980/81) il progetto "nonno-vigile", che nei giorni scorsi ha visto l'approvazione all'unanimità da parte della Giunta comunale alla proposta della vicesindaco e assessore alla Polizia urbana e sicurezza Fabiana Martini: il Comune ha così prenotato 135.000 euro che andranno a compensare coloro che presteranno il servizio (la stessa cifra dell'anno scorso).

La cifra va a coprire l'obbligo assicurativo richiesto dall'Inail e i corsi di formazione, ma anche a fornire un minimo compenso (5,68 euro a prestazione di minimo un'ora, per non più di due servizi al giorno) che verrà dato ai nonni che verranno scelti: questi oltre ad aver superato la preparazione, dovranno risultare idonei psico-fisicamente e non avere pendenze presso il casellario giudiziario

A questo punto un organo preposto stilerà una graduatoria che andrà a formare la squadra di "nonni-vigile" da schierare fuori dagli istituti scolastici durante l'interno anno scolastico (anche con condizioni meteo avverse).

Nella delibera della Giunta, viene chiarito quanto sia importante questo tipo di servizio: «Il servio ha un alto valore sociale poichè viene offerta la possibilità alle persone anziane (escluse dai processi produttivi e in alcuni casi emarginate) si continuare a far parte della società attiva. Inoltre il monitoraggio quotidiano fuori dalle scuole permette di allontanare preventivamente i malintenzionati. Il compenso, tanto esiguo da poter essere considerato poco più di un mero rimborso spese, costituisce per alcuni vigilanti l'unica fonte di reddito. Infine, il progetto permette di far fronte a una "carenza" organica del corpo della Polizia Locale, che non potrebbe impiegare un così alto numero di operatori per garantire la sicurezza fuori dalle scuole».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, vigilanza davanti le scuole: 135.000 euro per i "nonni-vigile"

TriestePrima è in caricamento