menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasportò 12 migranti chiedendo fino a 300 euro: passeur condannato a 4 anni

La Polizia Locale lo aveva arrestato lo scorso gennaio per aver trasportato illegalmente una dozzina di persone, adulti e qualche bambino. Condannato anche per violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale

Condannato a 4 anni di carcere con rito abbreviato il passeur che all'inizio dell'anno aveva trasportato illegalmente 12 migranti. Dopo assidui controlli in divisa e in borghese, lo scorso gennaio la Polizia Locale ha intercettato un furgone sloveno - in una stradina secondaria vicino l'uscita dal Molo VII - che trasportava illegalmente una dozzina di persone, adulti e qualche bambino.
Il conducente/passeur (Salomon Kotnik Elvis 24 anni, sloveno) è stato arrestato per favoreggiamento dell'ingresso di stranieri nel territorio dello Stato oltre che di violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale. Pare chiedesse 300 euro a persona. Il furgone era stato messo sotto sequestro.

La condanna

Subito dopo il suo arresto, Salomon Kotnik è entrato nel carcere di via Coroneo e lì vi è rimasto da allora: è di questi giorni infatti la notizia che il Gup Luigi Dainotti, al termine del processo con rito abbreviato, l'ha condannato a 4 anni di carcere e una multa di oltre 10 mila euro per aver favorito l'ingresso illegale in Italia di 12 cittadini extracomunitari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina tipica: la ricetta della minestra de bisi spacai

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

social

Festa della Donna: le idee regalo per sorprendere chi ami

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Addio a don Lorenzo Boscarol, diocesi isontina in lutto

  • Cronaca

    Covid in Fvg: 661 nuovi casi, scende il tasso di positività

  • Cronaca

    Scuola, genitori in piazza contro la Dad: "È emergenza sociale"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento