Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

Entra in vigore un nuovo decreto governativo che comprende nuove misure per gli italiani in entrata: l'attraversamento della frontiera è consentito anche "per l'urgente attuazione di attività transfrontaliere economiche e agricole e per visitare i familiari più stretti". Aperto un nuovo valico

Entra in vigore in Slovenia un nuovo decreto governativo che comprende nuove misure per gli italiani in entrata: l'attraversamento della frontiera è consentito, oltre ai lavoratori transfrontalieri, anche ad altre persone "che giustifichino con un certificato la necessità di attraversare la frontiera statale per l'urgente attuazione di attività transfrontaliere economiche e agricole e di visitare i familiari più stretti", come si legge nel sito governativo. Le misure comprendono anche l'apertura di un nuovo valico: Gorjansko ‒ San Pelagio.

Chi può entrare in Slovenia

Nel dettaglio, da oggi (martedì 26 maggio), l'ingresso in Slovenia sarà consentito anche a chi:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

- attraversa il confine per motivi familiari al fine di mantenere i contatti con i familiari stretti e ritorna oltre il confine nello stesso giorno;
- è un parente stretto di un cittadino della Repubblica di Slovenia e ha residenza permanente o temporanea in un paese dell'Unione europea o in un altro paese dell'area Schengen;
- Un cittadino di uno stato dell'UE o di un altro Stato Schengen che si reca attraverso la Repubblica di Slovenia verso un altro paese nello stesso giorno;
- possiede beni immobili o un aeromobile o un natante registrato nella Repubblica di Slovenia e possiede la prova di tale proprietà, anche insieme a familiari stretti;
- attraversa il confine nella stessa giornata per motivi di istruzione nella Repubblica di Slovenia e lo dimostra con prove adeguate (vale anche per i genitori o terzi che accompagnano minori);
- attraversa il confine quotidianamente od occasionalmente perché è impiegato in un istituto di istruzione nella Repubblica di Slovenia od è coinvolto in un progetto di ricerca nella Repubblica di Slovenia e lo dimostra con prove adeguate;
- ha una prenotazione confermata di un pernottamento in una struttura ricettiva nella Repubblica di Slovenia e lo dimostra con la prova della prenotazione. 
- effettua servizi di protezione e soccorso, della sanità, della Polizia, dei Vigili del fuoco e delle persone che svolgono servizi umanitari per la Repubblica di Slovenia attraversando la frontiera allo scopo di svolgere questi compiti;
- è cittadino della Repubblica di Slovenia, della Repubblica di Croazia, della Repubblica d'Austria, della Repubblica italiana o dell'Ungheria, e ha un proprio terreno su entrambi i lati del confine statale ed esegue opere agro-agricole;
- ha le prove di un esame medico pianificato o di una procedura nella Repubblica di Slovenia, in un altro paese dell'Unione europea o in un altro Stato Schengen alla data di attraversamento della frontiera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento