Cronaca

Immigrazione, Torrenti:«Nessuna ripercussione per il Fvg, non c'è un flusso dall'Italia verso l'Austria»

«Rischio però di lunghe code ai confini con l'intensificarsi dei controlli»

«Lo schieramento di forze militari sui confini da parte dell'Austria non avrebbe ripercussioni per il Friuli Venezia Giulia dal punto di vista dell'immigrazione perché non c'è un flusso di migranti dall'Italia verso l'Austria».
Lo ha assicurato l'assessore alla Solidarietà del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti, commentando l'irrigidimento dell'Austria sul tema immigrazione.

Torrenti ha spiegato come quelli austriaci sarebbero «annunci di tipo politico e nulla hanno a che vedere con l'efficienza amministrativa di un confine che a nessuno verrebbe in mente di ripristinare».
Torrenti ha però precisato che, dal punto di vista turistico, la situazione «potrebbe però essere più difficile con l'intensificazione dei controlli. Tra Austria e Italia rischieremmo di trovarci con lunghe code di veicoli nelle due direzioni, in modo particolare verso Austria proprio per le procedure da lei stessa istituite. Quindi, in vista degli esodi, sarebbe un autogol da parte dell'Austria che, credo, rivedrebbe rapidamente la propria posizione».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrazione, Torrenti:«Nessuna ripercussione per il Fvg, non c'è un flusso dall'Italia verso l'Austria»

TriestePrima è in caricamento