Cronaca

Confsal Trieste, conclusa in Viale la "20 giorni": «notevole partecipazione dei cittadini»

Si è conclusa la "Campagna dei 20 giorni" di informazione e dibattito promossa dalla Confsal di Trieste sui principali temi sociali di interesse nazionale cittadino.

 Si è conclusa ieri (sabato 19 novembre) l'ampia campagna di informazione e dibattito sui principali temi di interesse sociale, a livello nazionale e cittadino, che il Sindacato autonomo Confsal di Trieste ha messo in atto nell’arco delle ultime tre settimane avendo come fulcro e principale punto d'incontro pubblico il gazebo collocato in largo don Bonifacio, all’inizio del Viale XX Settembre. «Sono stati – spiega il segretario provinciale Filippo Caputo – oltre 20 giorni ricchi di appuntamenti, con l'intervento di rappresentanti sindacali e politici e con una notevole partecipazione di cittadini, con momenti di dibattito e di approfondimento su tutti i più pressanti “nodi” di interesse della nostra gente, dai problemi della scuola (con i responsabili dello Snals) fino all'emergenza sicurezza (con il Sindacato Autonomo di Polizia), dalla situazione delle banche, del risparmio e delle piccole imprese fino alle condizioni di lavoro nelle cooperative, spesso ai limiti dello sfruttamento, e alle diverse problematiche della casa (con gli esperti della Confappi, per i piccoli proprietari, e della Federcasa, per gli inquilini, che entrambi fanno capo al nostro Sindacato)».

Sono stati distribuiti in queste settimane, nel complesso, ben 18.000 volantini “tematici”. «Nel corso di tutti questi diretti contatti con la gente, il dato che ha più colpito – osserva ancora Caputo – è stato il grande interesse dei cittadini, delle migliaia di lavoratori e pensionati che ci hanno avvicinato chiedendo informazioni su pensioni e contratti di lavoro, assolutamente bisognosi di indicazioni utili, anche a livello dei nostri servizi di patronato, nella stragrande maggioranza dei casi dichiarandosi sconcertati per come si sta involvendo la situazione sociale in Italia, testimoniando nell'insieme uno stato di criticità e di emergenza sociale profonda, oltre che di disagio per il crescente caos normativo, che il “rottamatore” Renzi non ha mostrato assolutamente di saper superare, anzi..» Non è mancato inoltre un “focus” specifico sulla salute ambientale della nostra città, e in particolare sulla “vexata quaestio” della Ferriera di Servola, anche qui con un incontro specifico, con la partecipazione del Comitato “No Smog” e di altri gruppi ambientalisti, e con il lancio della proposta di un referendum cittadino per la chiusura dello stabilimento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confsal Trieste, conclusa in Viale la "20 giorni": «notevole partecipazione dei cittadini»

TriestePrima è in caricamento