menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Medicinali cannabinoidi: il Consiglio regionale accoglie sperimentazione

Il Consiglio Regionale ha accolto all'unanimità la proposta di legge sulla sperimentazione produzione di medicinali a base di cannabinoidi, relatori Cremaschi (Pd) e Ussai (M5S) il quale ne è stato anche il promotore

La proposta - avevano spiegato i due relatori all'Aula - intende apportare alcune modifiche alla legge regionale 2/2013 sulle modalità di erogazione dei medicinali e delle preparazioni magistrali a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche, che stabiliva le disposizioni organizzative per l'utilizzo dei farmaci cannabinoidi da parte degli operatori e delle strutture del Sistema sanitario regionale del Friuli Venezia Giulia. Tali modifiche si rendono necessarie per superare le difficoltà riscontrate in merito alla commercializzazione e alla acquisizione dei prodotti, non disponibili sul mercato italiano e dovevano essere importati dall'estero con aggravio di costi e allungamento dei tempi d'attesa per la terapia.

L'obiettivo che ci poniamo - hanno aggiunto - è semplificare l'accesso alle terapie e ridurre i costi per il Ssr, prendendo in considerazione anche l'accordo di settembre 2014 tra il ministero della Salute e il ministero della Difesa per la produzione nazionale di sostanze e di preparazioni vegetali a base di cannabis e prevedendo, pertanto, la possibilità di stipulare una convenzione con lo Stabilimento di Firenze o di avviare sul territorio regionale azioni sperimentali o specifici progetti pilota con altri soggetti autorizzati a produrre e a distribuiremedicinali cannabinoidi.

Il percorso previsto e i ruoli dei medici specialisti e dei medici di medicina generale sono così definiti: l'inizio del trattamento avviene sia in regime ambulatoriale, sia in regime di ricovero, sia in ambito domiciliare presso i Centri del Ssr individuati dalla Regione.

Il paziente può proseguire il trattamento in ambito domiciliare, con oneri a carico del Ssr, sulla base della prescrizione del medico specialista; il medico di medicina generale, sulla base del piano terapeutico redatto dallo specialista, può prescrivere i farmaci con oneri a carico del Ssr; il paziente può rifornirsi del farmaco presso le farmacie individuate dalla Regione presso i presidi ospedalieri o le sedi delle Aziende per l'assistenza sanitaria o presso farmacie convenzionate che operano in FVG.

Il rinnovo della prescrizione è subordinato alla valutazione di efficacia e di sicurezza da parte del medico prescrittore; la Regione promuove periodicamente iniziative di informazione dirette ai medici e ai farmacisti operanti nella regione al fine di favorire la conoscenza degli ambiti e degli effetti della cura con farmaci cannabinoidi.

Prima della votazione della legge, era stato Colautti (Ncd) ad esporre la "Relazione sugli adempimenti in materia di erogazione dei medicinali e delle preparazioni magistrali a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche", già illustrata dalla Giunta in sede di Comitato di controllo e di III Commissione consiliare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento