Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Disagio giovanile: "ConTatto", il servizio digitale per uscire dal silenzio

Un nuovo sito più accessibile ed efficiente dove i professionisti della salute mentale sono disponibili tramite un numero verde, una chat e una piattaforma online. ASUITS, il Comune e il Burlo hanno lavorato in sinergia con le aziende private per un servizio che ha già contribuito a diminuire il tasso di suicidi e che il presidente Fedriga dichiara di voler esportare in tutta la regione

Un nuovo sito web per “ConTatto”, un progetto che si rivolge ai giovani del che vogliono uscire dal silenzio, parlare con qualcuno e chiedere aiuto. Una squadra di professionisti formati nel dipartimento di salute mentale è disponibile attraverso tre canali: un numero verde gratuito, una chat e un sito internet al servizio dei ragazzi e delle ragazze che vivono disagi profondi e non sanno a chi rivolgersi. Un servizio digitale che nasce dalla collaborazione tra l'ASUITS e Televita Spa e Gruppo Pragma (azienda di learning e comnicazione digitale con sede in Area Science Park), in collaborazione con il Burlo Garofolo e il Comune di Trieste. Hanno collaborato attivamente alcuni gruppi di studenti tra gli 11 e i 27 anni nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro, con specifici progetti sulla comunicazione sociale.

I dati

Il servizio è nato nel 2015 nell'ambito del servizio ASUITS Telefono speciale, centro d'ascolto rivolto a tutte le età per prevenire suicidi e comportamenti autolesivi. Prima del 2015, secondo i dati diffusi da Televita sul territorio di competenza ASUITS, la media di chiamate l'anno si aggirava intorno alle 250, il 51% delle chiamate erano effettuate da maschi, l'età media era di 37 anni e il 5% degli utenti abitava fuori provincia. Un servizio che ha portato a una drastica diminuzione del tasso di suicidi (numero di casi/100mila abitanti/anno) che è sceso dal 21,8% del 1996 all'11,5% del 2016.

Dal 2015 a oggi, quindi dopo l'aggiunta del servizio ConTatto, la media di chiamate annua è salita a 350, sono state gestite 570 chat dall'attivazione del servizio, e gli utenti da fuori provincia sono decuplicati (50%). Per quanto riguarda le chat, servizio a cui si può accedere da tutta Italia, si è arriivati al 70% di utenti provenienti da fuori provincia nel 2018, con un'età media di 22 anni, al 75% femmine.

Il dottor Flavio Paoletti (ASUITS)

Così ha dichiarato il dottor Flavio Paoletti dell'ASUITS: “Questi dati dimostrano che si tratta di un servizio innovativo che non trova riscontro in altre realtà regionali, capiremo come diffondere questo modello. Prima la fascia oraria delle chat era diurna, poi osservando le abitudini dei ragazzi abbiamo stabilito con Televita e Pragma un altro orario: dalle 17 alle 23. Siamo partiti da bisogni reali e abbiamo rimodulato i servizi regionali e comunali sulle vere esigenze dei giovani”.

L'assessore Grilli

Così ha dichiarato l'assessore comunale alle politiche sociali Carlo Grilli: "Dobbiamo affrontare il malessere che sta colpendo nostri ragazzi, una sorta di fatica di vivere che non viene manifestata, una distanza che deve essere superata mettendosi in contatto con loro, parlando il linguaggio dei giovani ed entrare così nel loro cuore. Ringrazio i giovani collaboratori dell'alternanza scuola-lavoro che in questo senso hanno fornito un grande aiuto. Anche genitori devono trovare gli strumenti per comunicare con i loro figli e ci rivolgiamo anche a loro perché questa piattaforma sia uno strumento di comunicazione".

Altri interventi

Direttore dell'ASUITS Adriano Marcolongo ha invece sottolineato come i giovani siano “uno dei segmenti a cui le amministrazioni pubbliche dedicano meno spazio e meno attenzione di quanta ne meritino", mentre Michela Flaborea di Televita ha poi richiamato l'attenzione sul “dialogo e sinergia tra pubblico e privato, che hanno caratterizzato questa iniziativa. Insieme siamo partiti dal Telefono Speciale e di volta in volta abbiamo capito che il malessere riguardava in buona parte i giovani. I ragazzi di questa generazione spesso li guardiamo e non li vediamo sul serio”, precisando poi che “Lo stesso presidente Fedriga ci ha rivolto la sua attenzione e ha dichiarato di voler esportare il modello in tutto il FVG”

Intervenuta poi l'amministratore delegato di Pragma Oriana Cok: “In soli 3 anni il mondo è cambiato, specie per il nostro target che è composto soprattutto da giovani adulti fino ai 30 anni e abbiamo capito che la chat sarebbe stata un'importante porta di accesso ai servizi offerti dall'azienda Sanitaria. Abbiamo compreso dai feedback dei nostri giovani collaboratori che è necessario un punto di riferimento su tematiche sensibili come ansia, depressione, droghe e autolesionismo, soprattutto in tempi di fake news. Inserendo nella home page il logo di ASUITS c'è una certificazione su questi contenuti sensibili”.

Per saperne di più: https://contatto.me/

CA3D9604-6566-4229-9DF9-04D3703C44B8-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disagio giovanile: "ConTatto", il servizio digitale per uscire dal silenzio

TriestePrima è in caricamento