Cronaca Via Mazzini

Contributo in ritardo, si infuria allo sportello sociale: interviene la Polizia locale

Grilli: «Questa misura al reddito sta mettendo in ginocchio un sistema di welfare che fino a poco fa aveva retto»

Urla e minaccia di spaccare tutto per l'ennesimo ritardo nell'erogazione di una prestazione a sostegno del reddito. È accaduto nella tarda mattinata di oggi, 15 novembre, in via Mazzini 25, sede dell'assessorato alla Promozione sociale allo sportello per le misure di sostegno al reddito del Comune. L'uomo avrebbe avuto diritto a una prestazione in denaro, che attendeva da tempo e la cui erogazione era già stata prorogata, da qui la reazione inconsulta contro l'addetta allo sportello, che ha allarmato i presenti e reso necessario l'intervento della Polizia locale.

Così commenta la vicenda l'assessore ai servizi sociali Carlo Grilli: «Questa misura al reddito sta mettendo in ginocchio un sistema di welfare che fino a poco fa aveva retto». Condanno quanto accaduto e esprimo solidarietà e vicinanza ai miei operatori. Mi rendo conto, però, che la mancanza di certezza del contributo mini ancora di più la fragilità a cui noi ci riferiamo. La regione e il governo nazionale dovrebbero metterci la faccia come faccio io».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contributo in ritardo, si infuria allo sportello sociale: interviene la Polizia locale

TriestePrima è in caricamento