rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Polizia di Gorizia / Isontino

Controlli stradali a Gorizia: 57 violazioni su 44 mezzi pesanti

L'operazione "Side by side" in cooperazione con la Polizia slovena. Tra le violazioni il mancato rispetto dei tempi di guida e riposo, il superamento dei limiti di sagoma e di massa, l'alterazione del sistema di tracciamento del cronotachigrafo

Sono 57 le violazioni contestate dalla Polizia di Gorizia nell'ambito dell'operazione "Side by side", effettuata in data 12 aprile in cooperazione transfrontaliera con la Polizia Slovena, nella fascia oraria 08.00-14.00, nei territori di competenza. In territorio italiano è stato istituito, presso il Casello Autostradale di Villesse in A/34 (GO), un “modulo operativo” che ha visto l’impiego complessivo di 14 unità della Polizia di Stato.

Sul posto è stato predisposto anche un Ufficio Mobile per la redazione degli atti ed uno per l’eventuale accompagnamento di persone da sottoporre agli accertamenti fotodattiloscopici per l’individuazione della esatta identità. Sono stati eseguiti mirati controlli, sui mezzi pesanti adibiti al trasporto di merci comprese quelle pericolose e su quelli adibiti al trasporto di persone come autobus e minivan, sia d’immatricolazione nazionale che straniera.

Il personale operante ha esteso i controlli anche ai conducenti dei citati veicoli, per la verifica del loro stato psicofisico nonché del rispetto dei limiti di velocità e dei tempi di guida/riposo, della normativa sul trasporto delle merci pericolose e di tutte le altre prescrizioni sull’autotrasporto previste anche dalla normativa nazionale e comunitaria.

Nel corso dei particolari servizi, sono stati controllati: 44 mezzi pesanti, di cui 6 di immatricolazione comunitaria; 57 sono state le violazioni contestate, di cui 15 per il mancato rispetto dei tempi di guida e riposo, 10 per il superamento dei limiti di sagoma e di massa, 5 per alterazione del sistema di tracciamento del cronotachigrafo; sono state identificate 73 persone il cui profilo è al vaglio degli Uffici Competenti per l’eventuale applicazione delle misure di prevenzione personali.

Tutte le operazioni svolte su territorio italiano sono state costantemente monitorate da un velivolo della Polizia di Stato appartenente al X Reparto Volo di Venezia, con attività di sorvolo aereo.

Il modulo operativo attuato ha visto la rimodulazione nell’impiego, attraverso il coordinamento del C.O.A. (Centro Operativo Autostradale), anche di ulteriori pattuglie della Polizia Stradale impegnate nella esecuzione dei Piani compartimentali di Vigilanza Autostradale, tenendo conto dello scenario operativo attuato appunto presso il Casello di Villesse.

Al termine delle rispettive attività, i responsabili del dispositivo, sia di quello attuato in Italia e che di quello attuato in Slovenia, hanno condiviso le risultanze attraverso un approfondito debriefing nella prospettiva di mettere a fattor comune anche le dinamiche di intervento e strategie di contrasto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli stradali a Gorizia: 57 violazioni su 44 mezzi pesanti

TriestePrima è in caricamento