Coronavirus, dalla Regione 930mila euro per le cooperative sociali

I contributi sono a favore di quelle cooperative che impiegano soci lavoratori "svantaggiati" nella misura minima del 30% rispetto al resto degli occupati

La Regione Friuli Venezia Giulia ha disposto la liquidazione di quasi 930mila euro di contributi a favore delle cooperative sociali iscritte nella sezione "B" del relativo albo regionale, quelle cioè che impiegano soci lavoratori "svantaggiati" nella misura minima del 30% rispetto al resto degli occupati. Lo annuncia il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, sottolineando come "le cooperative sociali sono ormai da tempo significativamente presenti all'interno del tessuto economico-produttivo dei nostri territori. Ogni anno la Regione assiste queste imprese meritorie con idonei contributi finalizzati a valorizzare e premiare l'inserimento lavorativo di soggetti più deboli e fragili favorendo così, a queste persone, un'occupazione dignitosa e continuativa". "La liquidazione dei contributi regionali - evidenzia Riccardi - è avvenuta quest'anno a tempo di record per dare ossigeno alle cooperative sociali che attualmente versano in una condizione di ridottissima liquidità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intervento dell'Amministrazione regionale assume, quindi secondo il vicegovernatore, una valenza rilevante in questa fase emergenziale. Si tratta di un riconoscimento del ruolo economico, solidaristico e civile storicamente ricoperto dalla cooperazione sociale in Friuli Venezia Giulia. "Garantire a queste realtà dell'imprenditoria sociale - aggiunge Riccardi - un sostegno finanziario immediato a tutela dell'occupazione delle persone svantaggiate è un evidente segnale di come vogliamo che nessuno resti indietro". La rapidità dell'intervento è stata resa possibile anche grazie allo snellimento e alla semplificazione dell'iter tecnico-amministrativo ad opera degli uffici competenti del servizio per le Politiche per il Terzo settore e all'impegno del personale, impiegato in regime di smartworking, che ha operato con efficienza e disponibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale davanti al Red Baron: deceduta una ragazza di 22 anni

  • Stop al pieno oltre confine: la Slovenia mette il Fvg in zona rossa

  • Il ricordo di Sara, vittima della strada a soli 22 anni: "Un'anima pura"

  • Coronavirus: 334 nuovi casi di cui 141 a Trieste, 3 decessi in Fvg

  • Scuole, didattica a distanza al 50%: la nuova ordinanza di Fedriga

  • Nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi dopo le 18, stop alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento