menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cooperative Operaie, definito il terzo piano di riparto ai creditori

Il liquidatore giudiziale dei beni Coop l'avv. Maurizio Consoli ha predisposto il III riparto dei beni della società ai creditori. Non sono previsti ulteriori riparti sino alla liquidazione dei residui cespiti immobiliari della società

L'avvocato Maurizio Consoli, liquidatore giudiziale dei beni Coop, comunica che è stata completata la redazione del III piano di riparto, sottoposto al Comitato dei creditori nel corso della riunione tenutasi in data 4 febbraio. Il piano prevede il pagamento di un ulteriore acconto pari al 13% del credito chirografario. Per i prestatori sociali, la percentuale viene calcolata sulla quota chirografaria del credito, pari al valore del libretto al netto di quanto eventualmente ricevuto da Banca Generali all’esito della procedura di escussione della fideiussione.

I pagamenti verranno effettuati a breve termine. È stato evidenziato inoltre che, in considerazione dell’elevatissimo numero dei creditori e della frequente modificazione dei dati ad essi relativi, il precedente riparto è stato eseguito mediante nove tranche, suddivise in sette nel periodo fine ottobre-dicembre 2015 e due nel mese di gennaio 2016 .

Con il pagamento previsto dal III riparto, i creditori prestatori sociali che hanno escusso la fideiussione di Banca Generali perverranno all’incasso del 60% del loro credito complessivo, mentre i creditori chirografario raggiungeranno il 43%; sono già stati integralmente pagati i creditori privilegiati. Nei prossimi giorni verranno anche completate le verifiche ai fini dell’Isee. Non sono previsti ulteriori riparti sino all’intervenuta liquidazione dei residui cespiti immobiliari della società.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento