Coronavirus: un caso alla Fincantieri

Si tratta di un cittadino bengalese di 34 anni. Attivate tutte le procedure per evitare ulteriori contagi.

L'ulteriore miglioramento del flusso informativo tra la Fincantieri e il sistema sanitario regionale, sviluppato grazie alla proficua collaborazione tra l'azienda, la Regione, il Comune di Monfalcone, l'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina e la prefettura, ha permesso di individuare tra il personale operante nel cantiere monfalconese un caso di positività al Covid-19 e di attivare immediatamente tutte le procedure per evitare ulteriori contagi.

Lo ha confermato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute evidenziando che i sistemi di monitoraggio attuati da Fincantieri in accordo con le istituzioni hanno consentito di isolare e fornire assistenza alla persona colpita dal coronavirus, un cittadino bengalese di 34 anni, e di avviare il contact tracing per sottoporre a tampone tutte le persone con le quali è entrato in stretto contatto.

Quanto avvenuto conferma quindi l'importanza della collaborazione tra l'azienda e le istituzioni, che è stata ulteriormente rafforzata dall'incontro avvenuto ieri alla presenza del vicegovernatore, del sindaco, del prefetto e del direttore generale dell'Asugi e dei dirigenti di Fincantieri, nel corso del quale sono stati effettuati alcuni approfondimenti delle procedure già definite al fine di rendere ancora più veloci ed efficienti i meccanismi di comunicazione dei dati che consentono l'immediata individuazione di casi sospetti e l'esecuzione dei dovuti controlli sanitari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Conte: "Se continuiamo così, in due settimane tutte le regioni saranno gialle"

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Rapina da 195 mila euro a Pola, la fuga e l'arresto sul confine: in manette due poliziotti e un carabiniere

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Carenza di vitamina D: come riconoscerla e rischi per la salute

Torna su
TriestePrima è in caricamento