menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: Aiello

Foto: Aiello

Coronavirus: l'ITIS chiude ai visitatori

Il provvedimento è valido fino a data da destinarsi. L'Azienda: "Nessun caso di contagio. I nostri ospiti sono informati, sereni e collaborativi. Verrà organizzato un servizio di sostegno alla telefonata"

L'Azienda per i Servizi alla Persona ITIS chiude a tempo indeterminato gli accessi esterni alla struttura fino a nuova comunicazione. È questa la decisione assunta dalla Direzione della struttura di via Pascoli a tutela dei propri anziani residenti e di tutti i lavoratori.

Nessun caso, rafforzati i controlli

"In ITIS  - comunica l'azienda in una nota -non c'è nessun caso di contagio e il protocollo interno per la sicurezza sanitaria è stato ulteriormente rafforzato. Ogni giorno si riunisce il tavolo di lavoro aziendale che valuta l'eventuale adeguamento delle misure adottate in relazione all'evolversi della situazione, molto spesso anticipandola. Le condizioni di salute degli anziani residenti sono costantemente monitorate e i servizi infermieristici, le attività delle OSS e l'animazione vengono regolarmente svolte senza interruzioni".

Coronavirus, Italia zona rossa: ecco cosa cambia a Trieste

Il personale dipendente, si rende noto, è "pienamente operativo e le condizioni di salute dei lavoratori (febbre o eventuale sintomatologia) vengono già da tempo valutate ad ogni loro entrata e ad ogni loro uscita dalla struttura di via Pascoli".

"Anziani informati e consapevoli"

ITIS riferisce inoltre che "gli anziani residenti sono informati e consapevoli di ciò che sta accadendo al di fuori delle mura dell'ITIS e si stanno dimostrando sereni, pazienti e molto collaborativi. Altrettanto i loro famigliari che, sempre informati tempestivamente per mezzo di tutti i canali di comunicazione aziendale, hanno compreso pienamente e accettato gli sforzi che l'Ente sta mettendo in campo per tutelare i loro cari.

In questo momento di emergenza, al fine di sostenere le relazioni tra i familiari e i loro cari e limitare al massimo le chiamate dirette al personale socio sanitario delle residenze, si è organizzato quanto segue:

- ogni giorno il familiare di riferimento, può chiamare il numero 334-6779160 dalle ore 9:00 alle ore 11:00 per chiedere di essere informato sulle condizioni generali del familiare; il familiare dovrà lasciare il proprio numero di telefono e il nome e la residenza del proprio caro per essere richiamato entro la giornata;

- per gli anziani che non hanno il telefono, che sono in difficoltà a chiamare autonomamente e che desiderano sentire il loro familiare e viceversa, verrà organizzato un servizio di sostegno alla telefonata;

- giornalmente i familiari che hanno necessità di lasciare dei beni (non deperibili) utili ai loro cari possono consegnarli in portineria con indicato il nominativo e residenza. I beni saranno recapitati dal personale aziendale entro la giornata;

- gli infermieri contatteranno, come prassi, i familiari delle persone che si trovino in una situazione di gravità al fine di tenerli informati e, nel caso, permettere loro di accedere in stanza per stare accanto e sostenere l’assistenza nella terminalità o gravità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento