Coronavirus, ITIS chiuso fino all'8 marzo

Accessi esterni chiusi nelle giornate di venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 marzo. Nell'articolo informazioni utili per i familiari

ITIS chiuso fino all'8 marzo. A darne comunicazione lo stesso istituto con una nota stampa. "Purtroppo la situazione esterna all'ITIS inerente, in particolare, alla diffusione del coronavirus - scrive la nota - ci impone di dover adottare un elevato grado di precauzione che riguarda tutte le competenze aziendali a tutela assoluta dei nostri anziani. Viene quindi deciso di mantenere la chiusura agli accessi esterni nelle giornate di venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 marzo garantendo ulteriore comunicazione nella giornata di lunedì 9 marzo".

"In questo momento di emergenza, al fine di sostenere le relazioni tra i familiari e i loro cari e limitare al massimo le chiamate dirette al personale socio sanitario delle residenze, si organizza quanto segue:
- ogni giorno il familiare di riferimento, può chiamare il numero 334-6779160 dalle ore 9:00 alle ore 11:00 per chiedere di essere informato sulle condizioni generali del familiare;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

- il familiare dovrà lasciare il proprio numero di telefono e il nome e la residenza del proprio caro per essere richiamato entro la giornata;

- per gli anziani che non hanno il telefono, che sono in difficoltà a chiamare autonomamente e che desiderano sentire il loro familiare e viceversa, verrà organizzato un servizio di sostegno alla telefonata;

- giornalmente i familiari che hanno necessità di lasciare dei beni (non deperibili) utili ai loro cari possono consegnarli in portineria con indicato il nominativo e residenza. I beni saranno recapitati dal nostro personale entro la giornata.

- gli infermieri contatteranno, come prassi, i familiari delle persone che si trovino in una situazione di gravità al fine di tenerli informati e, nel caso, permettere loro di accedere in stanza per stare accanto e sostenere l’assistenza nella terminalità o gravità

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento