Coronavirus, Rosolen: "Indennità Inps anche per i lavoratori stagionali"

L'importo sarà di 600 euro esentasse per i lavoratori che abbiano cessato il rapporto di lavoro nell'arco temporale compreso tra il primo gennaio 2019 e il 17 marzo 2020

Foto di repertorio

L'articolo 29 del decreto legge 18/2020 ha previsto che l'Inps eroghi un'indennità di sostegno anche a favore dei lavoratori stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali, che abbiano cessato il rapporto di lavoro nell'arco temporale compreso tra il primo gennaio 2019 e il 17 marzo 2020.

"Si tratta - ha spiegato l'assessore regionale al lavoro, Alessia Rosolen - di indennità dell'importo pari a 600 euro, non soggette a imposizione fiscale. Nei giorni scorsi, l'Inps ha diffuso una prima e sintetica interpretazione del decreto-legge che ha introdotto diverse misure a favore dei lavoratori, delle famiglie e delle imprese, trattando anche il beneficio disposto per gli stagionali. La Regione esprime pieno appoggio alla linea e sostiene con convinzione la necessità di tutelare questi lavoratori":

Coronavirus: per la terza volta cambia il modulo di autocertificazione

Tutele a ogni categoria

Per l'esponente dell'esecutivo Fedriga "sarebbe presuntuoso pensare di avere già a disposizione tutte le risposte a un'emergenza di questa portata. Tuttavia stiamo cercando di capire come garantire protezioni e tutele a ogni singola categoria lavorativa. Si spalancano nuovi scenari anche per la concessione di ammortizzatori sociali e siamo in costante contatto con le parti sociali e le categorie datoriali per definire misure e strumenti adeguati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus e Cura Italia: l'impatto in busta paga

"Nella nostra regione - ha concluso Rosolen - il lavoro stagionale è diffuso e radicato, pertanto riteniamo fondamentale che questa categoria rientri tra i beneficiari dell'indennità di sostegno. Naturalmente si tratta di un primo e parziale intervento: mai come adesso è necessario essere resilienti, flessibili e pronti a fare fronte, in corso d'opera, alle situazioni che ci troveremo ad affrontare. La Regione c'è. La cosa più importante, in questa fase, è fare sistema per superare la mareggiata e ripartire prima possibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento