Più di 100 persone dirette in Ucraina bloccate a Fernetti: "Non ci lasciano passare"

A riportare la notizia è il Primorski Dnevnik, quotidiano di lingua slovena di Trieste secondo cui circa 100 passeggeri a bordo dei due mezzi sarebbero stati stoppati dalla polizia slovena a causa dell'emergenza sanitaria in corso

Sono circa un centinaio le persone a bordo di due pullman diretti in Ucraina e impossibilitati a passare il confine di Fernetti da questa notte a causa delle decisioni della polizia slovena. A riportare la notizia è il Primorski Dnevnik, quotidiano di lingua slovena di Trieste. Le persone sono arrivate alle 11 di ieri 12 marzo e, come riportato nel video pubblicato sulla pagina Facebook del Primorski, alla dogana sarebbe stato chiesto loro di andare via e di tornare in Italia. "Nessuno ci ha detto niente, non ci hanno aiutato, ci hanno detto di andare via" dice un ragazzo giovane intervistato. 

Le persone hanno quindi iniziato a chiamare le ambasciate in Austria e Slovenia, a Milano e a Roma. "Nessuno ci dice niente, cosa dobbiamo fare" ha dichiarato sempre lo stesso ragazzo. "Vogliamo solo tornare a casa, chiediamo l'aiuto delle autorità italiane". 

Guarda il video intero sul Primorski

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento