Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Infermiera multata in via Pietà e l'onda di solidarietà, spunta l'idea della colletta

A lanciare l'appello è Cristiana, una muggesana di 47 anni che ha contattato la redazione di TriestePrima per raccontare le ragioni che l'hanno spinta a "partorire" l'idea

“Se mettiamo anche solo un euro a testa la multa gliela paghiamo noi, mi sembra un modo corretto di dimostrare solidarietà nei suoi confronti”. A parlare è Cristiana, 47enne muggesana ma residente a Cervignano del Friuli che, dopo aver appreso la vicenda dell’infermiera multata dopo aver parcheggiato la macchina in via Pietà, ha contattato la redazione di TriestePrima lanciando un appello in favore della professionista sanitaria.

“Io non conosco personalmente la ragazza – chiarisce Cristiana – e non sono alla ricerca di visibilità. Penso che però si possa dare una dimostrazione di dignità e, contemporaneamente, far riflettere qualcuno”. Secondo la 47enne di Muggia “per pagare la multa ci vuole veramente poco. Se poi i soldi raccolti andassero ben oltre la cifra necessaria, allora si potrebbero donare alla Sanità che in questo momento è sotto pressione”. Chiunque volesse dare il proprio contributo può contattare direttamente TriestePrima mandando un messaggio alla nostra pagina Facebook. Di seguito informeremo la giovane professionista. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermiera multata in via Pietà e l'onda di solidarietà, spunta l'idea della colletta

TriestePrima è in caricamento