Coronavirus, Valenti: "Più controlli al confine tra Veneto e Friuli"

Il Prefetto: "I controlli sono stati predisposti a livello provinciale e saranno effettuati a campione per chi arriva da zone italiane a contenimento rinforzato. A chi sarà fermato verrà chiesta la motivazione del suo ingresso nel territorio e ci saranno controlli a posteriori per verificarne la veridicità". Dipiazza: “Seguire indirizzi ministeriali”

Sono attivi da stamattina controlli a campione al confine tra Veneto e Friuli, "per monitorare gli spostamenti dei cittadini garantendo sia la sicurezza che i diritti costituzionali come salute e lavoro". Lo ha dichiarato il prefetto di Trieste Valerio Valenti a margine di una conferenza stampa in Regione sull'emergenza Coronavirus: “I controlli sono stati predisposti a livello provinciale e saranno effettuati a campione per chi arrva da zone italiane a contenimento rinforzato. A chi sarà fermato verrà chiesta la motivazione del suo ingresso nel territorio e ci saranno controlli a posteriori per verificarne la veridicità". A breve, secondo il prefetto, saranno attivati anche "più controlli alle frontiere e nel porto, con termoscanner per chi scende dalle navi".

Fedriga: "Tutta l'Italia diventi zona rossa" 

"Anche se rispetto a Lombardia e Veneto abbiamo numeri ridotti relativamente al contagio - ha continuato Valenti - ci attendiamo un aumento nei prossimi giorni e dovremo affrontare aspetti di sicurezza pubblica. Chiediamo ai cittadini di essere collaborativi e responsabili in primis, solo questo sarà determinante per la salute pubblica, molto più delle sanzioni", ricordando poi che "chi lascia la sua città con sintomi di una malattia e ha il dubbio di esserne portatore è perseguibile penalmente".

Riccardi: "Protezione civile aiuterà anziani. Assumeremo personale sanitario" 

Il prefetto ha poi rimarcato l'importanza di seguire alla lettera le disposizioni ministeriali: "gli anziani non escano se non strettamente necessario e le famiglie dialoghino coi giovani affinché riducano al minimo le occasioni di socialità" e ha specificato che "Il ministro Lamorgese ha quindi chiesto quanti posti abbiamo in terapia intensiva perché si sta mettendo a punto un censimento nazionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intervenuto alla conferenza stampa anche il sindaco Dipiazza, che ha espresso "amarezza per l'emergenza in corso e le sue ripercussioni sull'economia, anche perché veniamo da un 2019 straordinario fatto di risultati incredibili" Dipiazza ha poi rinforzato la richiesta di un "maggior senso di responsabilità per tutti i cittadini, e maggior attenzione alle disposizioni ministeriali, che in questa settimana non sono state seguite a dovere"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

  • Malasanità: bimba morta in ospedale, Trieste sede neutrale dell'incidente probatorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento