rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
La manovra

Corpo forestale regionale, nel 2023 in arrivo sessanta assunzioni

Lo ha dichiarato l'assessore regionale Zannier

"Con l'inizio del 2023 si irrobustirà il Corpo forestale regionale (Cfr) che soffre da tempo di una forte riduzione del personale. Saranno una sessantina i nuovi
dipendenti che andranno poi formati; una formazione che deve guardare anche alle esperienze delle altre regioni, attraverso uno scambio di conoscenze. E' attesa a breve una risposta positiva dalla Sardegna per attivare con il Friuli Venezia Giulia un rapporto di interscambio sulla formazione che sarà proficuo per entrambe le regioni". Lo ha detto oggi l'assessore regionale alle Risorse forestali, Stefano Zannier, all'inaugurazione della sede del distretto unico di antincendio boschivo Val Cosa-Val d'Arzino nel centro polifunzionale di Casiacco.

"Quando parliamo di antincendio dobbiamo ricordare le due realtà che lavorano assieme: i volontari di Protezione civile e il Corpo forestale che ha competenza diretta sulla materia - ha riferito Zannier -. L'operatività di queste due componenti ha successo quando il coordinamento è stretto altrimenti si rischiano delle
difficoltà esecutive". Un passaggio del suo intervento ha riguardato il nuovo piano antincendio boschivo che potrà essere pronto e diventare operativo entro il 2023; un piano necessario per dare piena operatività alla legge regionale in vigore.

"Dobbiamo tenere insieme un sistema che comprende molteplici componenti e che pur non avendo la garanzia di poterle utilizzare tutte insieme nei modi e nei tempi utili, deve garantire rapidità di intervento. In questo contesto giocano un ruolo importante anche le squadre comunali del distretto" ha aggiunto Zannier,
ribadendo la necessità di un coordinamento ampio delle attività "per migliorare ancor di più l'efficienza e l'operatività delle varie stazioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corpo forestale regionale, nel 2023 in arrivo sessanta assunzioni

TriestePrima è in caricamento