menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Pandemia city run", nasce la "gara" di corsa in casa per fare beneficenza

L'iniziativa devolverà le quote di partecipazione degli iscritti ad una struttura Covid-19. Unica regola: camminare o correre per un'ora

Si chiama "Pandemia City Run Val Rosandra" ed è la nuova "gara" in casa nata a Trieste per fare beneficenza: poche regole, ma tanta voglia di mettersi in gioco per una buona causa. "Per partecipare basta correre o camminare. Vince chi fa più strada nel tempo limite di un'ora" ci ha raccontato Alessandro, membro del G.s.d. Val Rosandra e ideatore dell'iniziativa. "La gara è iniziata lunedì per dare la possibilità a tutti i partecipanti di organizzarsi in base agli impegni - ha aggiunto Alessandro -. Ad oggi contiamo una cinquantina di iscritti di tutte le età. Il più anziano ha ben 86 anni e si è organizzato per camminare sul balcone, dividendo il percorso a tappe. Una volta completata l'ora, i chilometri percorsi vengono condivisi da ciascuno in un gruppo Whatsapp appositamente creato".

"Ci siamo uniti per fare del bene e per far capire che la corsa o la camminata, prima viste solo come un modo per trasgredire le regole, possano essere fonte di qualcosa di buono" ha sottolineato. Infatti le quote d'iscrizione, a offerta libera, saranno devolute ad una struttura Covid-19. "Siamo in contatto con diverse strutture, ma decideremo insieme a chi devolvere la somma. Che siano mascherine o una cena, l'obiettivo è quello di dimostrare gratitudine a chi combatte in prima linea".
Il verdetto arriverà domenica, giorno in cui terminerà la gara e verrà decretato il vincitore a cui, come gesto simbolico, verrà consegnata una buona bottiglia di vino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festa della mamma: origini e curiosità

social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento