Cronaca

Corsa della Bora, al via il conto alla rovescia per la gara internazionale di trail running

Torna per la quinta edizione la S1Corsa della Bora, gara internazionale di trail running. Tra le novità di quest'anno il Borafest – Outdoor Winter Festival dedicato a chi vuole avvicinarsi ad altre discipline sportive

Manca un mese alla S1Corsa della Bora, in programma dal 4 al 6 gennaio 2020, ma il conto alla rovescia è già partito. L'evento, organizzato dall'Asd SentieroUno assieme alle numerose e produttive partnership, nella scorsa edizione ha visto giungere all’arrivo oltre 1600 partecipanti. E quest'anno l'appuntamento triestino dovrebbe superare ogni record, varcando probabilmente la fatidica quota delle 2000 presenze. L'iniziativa è stata presentata oggi nel corso di una conferenza nel Palazzo della Regione a Trieste promossa dall'Assessore Regionale alla Cultura e allo Sport del Fvg Tiziana Gibelli che ha sottolineato la caratura mondiale di un appuntamento capace di attrarre atleti e turisti da ogni continente.

Un evento da 10 e lode che punta sulle peculiarità del territorio

«Un'organizzazione da 10 e lode ed uno sforzo enorme, e ripagato stando ai numeri dei partecipanti, per trasmettere e far vivere le peculiarità naturalistiche, sociali, culturali e sportive del nostro territorio», le parole del vicepresidente del Coni Regionale Francesco Cipolla, condivise pure dal presidente dell'Associazione Italiana Cultura e Sport Fvg Giorgio Mior. Quest'ultimo ha rimarcato come «i valori dell'inclusione, dello sport per tutti, della condivisione di iniziative culturali e sociali atte ad influenzare in maniera positiva la nostra società siano le basi fondanti su cui si basano le iniziative sia dell'Asd SentieroUno che dell'Aics».

Le novità di quest'anno

E' stato poi, come di consueto, il presidente della società organizzatrice Tommaso de Mottoni a svelare le peculiarità e i punti di forza della 5ª edizione della S1Corsa della Bora: «Anche quest'anno i numeri ci sorrideranno dato che abbiamo quasi terminato tutti i pettorali disponibili per le 5 prove di trailrunning. Per quanto riguarda l'aspetto puramente sportivo anche nel 2020 sulla linea di partenza si schiereranno atleti di altissimo livello del trail. Ma una delle grandi novità di questa stagione è il Borafest – Outdoor Winter Festival, denso di iniziative che permetterà ad ogni genere di persona di vivere una giornata diversa dalle altre, conoscere luoghi unici del Carso, avvicinarsi a nuove discipline sportive. Gli appuntamenti saranno veramente per tutti i gusti, a dimostrazione della nostra volontà di coinvolgere nella S1Corsa della Bora più realtà, variegate nelle proprie caratteristiche, possibili. Inoltre quest'anno è nato un evento di inclusione dal sapore rivoluzionario denominato Iperatleti con il quale vogliamo ridefinire il concetto di integrazione e disabilità. Un'altra novità è la collaborazione con la Fidal (Federazione Italiana di Atletica Leggera) che ha scelto laS1 Corsa della Bora e il Borafest come scenari per il primo raduno del progetto “80k (off) road to 2021”, che vedrà i migliori specialisti italiani della corsa in montagna allenarsi sui sentieri di Trieste e dei suoi dintorni. Infine, non scordiamoci di due capisaldi del nostro evento come l'attenzione maniacale alla sicurezza e all'ambiente».

Sul tema sicurezza un ruolo fondamentale lo svolgerà il Soccorso Alpino di Trieste rappresentato in sala dal capostazione locale Gabriele Pellizzer. Per quanto concerne il concetto di sostenibilità ambientale a fianco dell'Asd SentieroUno si è schierato nuovamente il Wwf di Trieste che prima, durante e dopo le gare monitora l'impatto ambientale provocato dal passaggio dei corridori.

Inoltre, come ha spiegato il presidente del Wwf Trieste Alessandro Giadrossi: «assieme alla Trieste Atletica, coorganizzatrice della S1Sprint di 16km abbiamo sposato il progetto nazionale “Orso 2x50”, atto ad evitare l'estinzione e raddoppiare il numero dell'orso bruno marsicano. Parte del ricavato delle iscrizioni alla S1Sprint sarà devoluto a sostegno di questa iniziativa. Inoltre chi vorrà potrà correre sfoggiando un t-shirt apposita per l'occasione., diventando un fondamentale testimonial».

Le gare della S1Corsa della Bora 2020

Il Campo Sportivo di Visogliano è stato confermato come centro nevralgico della manifestazione e sede di arrivo di tutte e cinque le competizioni. I primi atleti a intraprendere la propria fatica saranno gli highlander dell'S1 Ipertrail di 173 km (8730 D+) che allo scoccare della mezzanotte di sabato 4 gennaio, partiranno da Gorizia per cimentarsi nella propria avventura che attraverso le cime della Slovenia e le spettacolari Grotte di San Canziano li condurrà al traguardo utilizzando unicamente il Gps. Successivamente, alle 5 sarà dato lo start all'S1Ultra di 168,3 km (7110 D+), il cui tracciato si svilupperà tra l'Italia e la Slovenia, accarezzando pure il confine croato. Il giorno successivo, domenica 5 gennaio, alle 7.30 si schiereranno sulla linea di partenza di Pesek gli iscritti all'S1Trail di 57km (2380 D+). Alle 11.30 dall'Obelisco di Opicina toccherà ai partecipanti della S1Half di 21km (640 D+) incominciare a correre mentre alla stessa ora, ma da Visogliano incomincerà la propria fatica il plotone della S1Sprint di 16 km (440 D+).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsa della Bora, al via il conto alla rovescia per la gara internazionale di trail running

TriestePrima è in caricamento