Coronavirus, 482 nuovi casi e 20 decessi in più (di cui 9 a Trieste)

Le persone ricoverate in Terapia Intensiva salgono a 47. Il territorio in provincia di Udine rimane quello più colpito

I casi da Coronavirus non si fermano e continuano a crescere. Il dato preoccupante che emerge dal bollettino diramato dalla Regione Friuli Venezia Giulia è quello riferito ai venti decessi registrati, morti che portano il numero complessivo da inizio pandemia a 476. Secondo i numeri diffusi dall'assessore regionale alla Sanità Riccardo Riccardi, i nuovi contagi sono 482, con l'Udinese che resta l'area più colpita. Nel dettaglio, i contagi in provincia di Udine sono 196, 146 quelli rilevati nel Pordenonese, mentre a Trieste sono 75. Quarantotto infine i casi nel territorio di Gorizia e dintorni. Ad essi si aggiungono 189 persone da fuori regione (con un leggero incremento di sette unità rispetto a ieri). 

Confronta il bollettino di oggi con quello di ieri

Il numero di tamponi eseguiti sono poco meno del triplo rispetto al 9 novembre, vale a dire 6438 contro i 2324 di ieri. Salgono a 47 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 336 i ricoverati in altri reparti. Analizzati per quanto riguarda le rispettive province, i decessi segnano un aumento di nove casi a Trieste, sette a Udine, tre a Pordenone e uno nel Goriziano. Le persone attualmente positive al Coronavirus in Friuli Venezia Giulia sono 7950, di cui 7458 in isolamento domiciliare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

Torna su
TriestePrima è in caricamento