Coronavirus in Fvg: oltre 500 casi e 10 morti ma i guariti di oggi sono 151

Questi i dati salienti del consueto bollettino emesso dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Trieste la città meno colpita (33 casi e un decesso)

Dieci decessi, 536 nuovi casi, tre persone in meno nei reparti di terapia intensiva e 151 persone totalmente guarite. Sono questi i dati salienti del consueto bollettino emesso dalla Regione Friuli Venezia Giulia nella giornata di oggi 17 novembre. I dati, che dimostrano un aumento nel numero di contagi rispetto a ieri - ma otto decessi in meno sempre in relazione al 16 novembre - segnano anche 47 nuovi ricoveri presso altri reparti. 

Da 3411 tamponi analizzati ieri (di cui il 13,37 per cento era risultato positivo) si è passati ai 5926 della giornata odierna (con il 9,04 per cento di positivi). Nel dettaglio dei 536 casi, il territorio della provincia di Udine è ancora maglia nera con ben 362 nuovi contagi, mentre nel capolugo regionale sono risultate positive 33 persone. Ad essi vanno aggiunte le 58 positività del Pordenonese e le 74 registrate a Gorizia e dintorni. Alle 240 persone da fuori regione risultate positive ieri, ne vanno aggiunte nove. 

Sul fronte dei decessi è ancora Udine il fanalino di coda. Dei dieci decessi infatti sette sono stati registrati nel territorio Udinese, due a Pordenone ed uno a Trieste. Infine, se i nuovi totalmente guariti sono 151, sul fronte dei clinicamente guariti si registrano nove casi. Le persone attualmente in isolamento domicliare passano da 9601 a 9923, facendo segnare un incremento di 322 casi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento