Migranti, sì al possibile utilizzo della Protezione Civile: firmato lo stato di preallerta

A riferirlo è il vicegovernatore Riccardo Riccardi che ha apposto la firma sul Decreto che punta a "muovere l'organizzazione della Protezione Civile per le prime eventuali necessità richieste dalle Prefetture" 

L'intensificazione degli arrivi provenienti dalla Rotta balcanica, i timori espressi dalle istituzioni, le pressioni dei sindacati di polizia sui protocolli sanitari e il caso delle positività riscontrate nei giorni scorsi all'interno dell'ex caserma Cavarzerani di Udine, hanno portato la Regione Friuli Venezia Giulia a dichiarare uno stato di preallerta definito "indifferibile" e diretto a "garantire l'incolumità delle persone". 

Ad apporre la firma sul decreto che, ottenuto il sì del presidente Massimiliano Fedriga, da oggi fa scattare lo stato di preallerta è stato il vicegovernatore Riccardo Riccardi. La decisione è stata presa "al fine di fronteggiare l'eccezionale afflusso di migranti nel territorio regionale durante lo stato di emergenza da CoViD-19". Il Decreto menziona "l'intenso flusso di migranti provenienti da Pakistan, Afghanistan, Bangaldesh, Sri-Lanka e altri Paesi extra-Schengen" che si registra da "oltre una settimana". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riccardi precisa che il provvedimento "fa riferimento alla legge regionale 64 del 1986, in base alla quale l'Amministrazione regionale assume a propria rilevante funzione quella del coordinamento di tutte le misure organizzative e di tutte le azioni nei loro aspetti conoscitivi, normativi e gestionali, dirette a garantire l'incolumità delle persone, dei beni e dell'ambiente rispetto all'insorgere di qualsivoglia situazione o evento che comporti agli stessi grave danno o pericolo". Nel dettaglio, la decisione aprirebbe alla possibilità di "muovere l'organizzazione della Protezione Civile per le prime eventuali necessità richieste dalle Prefetture". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

  • Malore sott'acqua a Sistiana: 38enne portato a Cattinara in codice rosso

  • Orso bruno avvistato vicino alla ciclopedonale a Draga Sant'Elia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento