Cronaca

Stretta anti Covid: scuole chiuse per due settimane in tutta la regione

Trieste e Pordenone rimangono in zona gialla rafforzata. Didattica a distanza alle scuole medie, superiori e all'Università. La zona arancione, con relative restrizioni e divieto di spostamento fuori dai Comuni, scatterà nelle province di Udine e Gorizia dalla mezzanotte di venerdì 5

Le scuole rimarranno chiuse in tutta la regione per almeno due settimane, non solo le superiori ma anche le medie e l'università, a partire da lunedì 8 marzo. La zona arancione, con relative restrizioni e divieto di spostamento fuori dai Comuni, scatterà come anticipato ieri nelle province di Udine e Gorizia da mezzanotte di venerdì 5. Trieste e Pordenone rimarrano in "giallo rafforzato", ossia come nelle settimane precedenti ma con le scuole chiuse. Queste le principali novità della nuova ordinanza regionale, annunciata stamattina dal presidente Massimiliano Fedriga in conferenza stampa.

La decisione della chiusura delle scuole, è stato spiegato, si è resa necessaria vista l’altissima incidenza di contagi nella fascia dagli 11 ai 18 anni e, come ha spiegato l'assessore Rosolen, "le regioni italiane che hanno riaperto prima le scuole si trovano ora in condizioni critiche". L’intenzione del Governatore è quella di “Giocare d’anticipo vista la diffusibilità della variante inglese che a livello italiano ha raggiunto il 60% e che nella nostra regione si è diffusa come dimostra il repentino aumento dei contagi. Le altre due varianti non sono state ancora riscontrate nella nostra regione: quella Brasiliana, diffusa nel centro Italia, e la variante sudafricana maggiormente presente a Bolzano e in Austria”. 

Il Governatore, a sostegno del provvedimento, ha poi evidenziato come i contagi si registrino principalmente in famiglia, secondariamente sul lavoro e poi a scuola, in tutte le altre situazioni l'incidenza dei contagi sarebbe molto minore. “A differenza delle altre ondate – ha dichiarato Fedriga – questa vede un aumento di contagi molto più rapido, che ha invertito bruscamente la tendenza delle settimane precedenti, con un calo di contagi e ospedalizzazioni. L’Iss comunica che il mese più critico sarà marzo, con aprile in miglioramento anche per le temperature più miti. Il picco si verificherà dopo metà marzo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stretta anti Covid: scuole chiuse per due settimane in tutta la regione

TriestePrima è in caricamento