Cronaca

Crack Coop, 222 soci contro la Regione: sentenza forse tra due anni (VIDEO)

L'avvocato Reiner: «Il giudice ha accolto la richiesta della controparte di procedere con rito ordinario mentre noi puntavamo ad un rito sommario per velocizzare il tutto»

Non nel 2017, non nel 2018. Forse la sentenza del processo al Tribunale di Trieste innescato dalla causa che 222 soci risparmiatori delle ex cooperative operaie hanno intentato contro la Regione Friuli Venezia Giulia sulla presunta mancata vigilanza dei bilanci arriverà forse nel 2019.

Questa mattina (16 febbraio) la prima udienza con circa una 40ina di persone fuori dalla stanza del giudice civile Francesco Saverio Moscato rappresentate dall'avvocato Mario Reiner che ha manifestato la sua (e dei suoi assistiti) delusione: «Il giudice ha accolto la richiesta della controparte (la Regione, ndr) di procedere con rito ordinario mentre noi puntavamo ad un rito sommario per velocizzare il tutto».

Delusione palapbile sui volti dei risparmiatori nel corridoio al piano terra del Tribunate: la prossima udienza si terrà il 14 aprile e da lì si aprirà un processo lungo e articolato con il rischio concreto che i soci più anziani non riescano nemmeno ad arrivare al pronunciamento della sentenza. 

l dissesto contabile delle Coop Operaie ha visto 103 milioni di risparmi andati in fumo ovvero quelli di 17mila soci. Ben che vada riusciranno a recuperare l'80% delle somme perse. I rimborsi oggi si attestano al 70,6% come previsto nel piano di concordato elaborato e condotto dall'avvocato Maurizio Consoli

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crack Coop, 222 soci contro la Regione: sentenza forse tra due anni (VIDEO)

TriestePrima è in caricamento